TwitterFacebookGoogle+

Svizzera: stampa, ricercatrice italiana conosceva il suo assassino

Roma – Svolta nelle indagini sull’omicidio di Valentina Tarallo, la ricercatrice italiana uccisa ieri a Ginevra a colpi di spranga. Secondo fonti della polizia riportate dal quotidiano Tribune de Geneve, la giovane conosceva il suo assassino. Secondo alcuni testimoni si tratta di un uomo di origine africana tra i 20 e i 30 anni, alto circa 1 metro e 90. Intanto le indagini proseguono serrate e la polizia non aggiunge ulteriori dettagli. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.