TwitterFacebookGoogle+

Tangenti in Lombardia, arrestato consigliere della Lega

Milano – Scoppia lo scandalo delle tangenti sugli appalti per le forniture odontoiatriche in Lombardia con l’arresto di 21 persone tra le quali anche Fabio Rizzi, consigliere leghista della Regione Lombardia e presidente della commissione Sanita’ e braccio destro del governatore Roberto Maroni. Associazione delinquere finalizzata alla corruzione, turbata liberta’ degli incanti e riciclaggio sono i reati contestati nell’indagine “Smile” su un gruppo imprenditoriale che corrompendo i funzionari avrebbe pilotato a proprio favore l’aggiudicazione di una serie di appalti banditi da diverse Aziende Ospedaliere per la gestione, in outsourcing, di servizi odontoiatrici. Rallentare il sistema sanitario nazionale per ‘dirottare’ i pazienti “sulla piu’ remunerativa attivita’ di solvenza” e guadagnare di piu’. Questo sarebbe stato, secondo la Procura di Monza, uno degli scopi perseguiti dagli indagati, in un sistema caratterizzato “non solo dalla violazione dei principi cardine di trasparenza, imparzialita’, legalita’, indispensabili per una buona amministrazione pubblica”, ma anche “l’erogazione di servizi scadenti con ricadute, di natura economica e non, sia sugli enti pubblici che sui pazienti”. Figura chiave, l’imprenditrice e medico Maria Paola Canegrati.

La sua societa’ ‘Odontoquality’, con sede ad Arcore, avrebbe consolidato “una posizione di sostanziale monopolio” che vinceva “la quasi totalita’ degli appalti”. Appunto per aver favorito la ‘Odontoquality’, Fabio Rizzi e l’imprenditore Mario Valentino Longo avrebbero ricevuto come “remunerazione” il finanziamento della campagna elettorale del politico per le regionali del 2003, una tangente da 50.000 euro (pagata in contanti con l’intermediazione di un soggetto accusato di riciclaggio) e una serie di finte consulenze per 500 euro fatturate dalla moglie di Logno. Inoltre, stando a fonti investigative, sarebbe stata creata a loro favore una societa’ che si occupa di ambulatori odontoiatrici in strutture sanitarie private, le cui quote sarebbero state intestate alla Canegrati e, per interposta persona, a Longo e Rizzi. La Procura ha sequestrato 50.000 euro in solido a Longo e Rizzi e 38.000 euro al solo Longo. Il presidente della Regione, Roberto Maroni, ha annunciato Una “commissione ispettiva” per un “piano straordinario sulla corretta applicazione delle procedure, ospedale per ospedale, gara per gara”. Il governatore non ha nascosto il suo disappunto: “”Il primo sentimento – ha detto – e’ di stupore e grande delusione. Ma sono anche incazzato molto per quello che e’ successo, ferma restando la presunzione di innocenza e la fiducia nella magistratura”. Duro il leader leghista Matteo Salvini: “Chi sbaglia davvero, non merita la Lega”, ha scritto su Facebook, “Spero che alcuni magistrati non siano in campagna elettorale, e’ accaduto gia’ troppe volte”, ha aggiunto Salvini. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.