TwitterFacebookGoogle+

Terni, uccide la moglie a coltellate mentre i figli dormono

(AGI) – Perugia, 29 ott. – Una donna di 36 anni e’ stata uccisa a coltellate nella notte a Terni. L’omicidio arebbe avvenuto durante una lite coniugale, forse per motivi passionali. L’omicida, un pensionato di 66 anni, ex dipendente delle acciaierie si e’ costituito subito dopo il delitto al carcere di Vocabolo Sabbione, a Terni, dicendo agli agenti: “Ho ucciso mia moglie”. L’uomo aveva un altro matrimonio alle spalle concluso con una separazione. La vittima, consulente legale, e’ stata colpita con un coltello da cucina di grosse dimensioni, raggiunta da alcuni fendenti all’altezza dell’addome. Il coltello e’ stato sequestrato dai carabinieri della compagnia e del reparto operativo del comando provinciale di Terni, intervenuti nell’appartamento di Via Gramsci all’1.30 della mattina, poche ore dopo che nell’abitazione si era consumata la tragedia famigliare. Secondo la ricostruzione dei carabinieri l’uomo, mentre i due figli della coppia dormivano nella loro stanza, sarebbe stato colto da un raptus, scatenato da un litigio avuto con la donna. Secondo quanto si apprende, subito dopo aver colpito la moglie, in stato confusionale, a bordo della propria autovettura, il marito ha raggiunto la casa circondariale di Terni, dove si e’ costituito affermando di aver ucciso la donna. La polizia penitenziaria ha quindi allertato immediatamente il 112, che ha inviato una pattuglia dell’aliquota radiomobile in via Gramsci dove abitava la coppia. Secondo i carabinieri dalle prime testimonianze raccolte e dai rilievi tecnici effettuati dal personale specializzato e’ emersa una scena del delitto e una dinamica dei fatti abbastanza chiara. Il 66enne e’ stato sentito dal pm e nelle prossime ore verra’ emesso un provvedimento di fermo per il reato di omicidio.(AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.