TwitterFacebookGoogle+

Terremoto, bufera social su parlamentare M5s contro governo

Roma – Bufera social per un post di una parlamentare M5s sul terremoto. “Il Tg1 apre dichiarando una scossa di 7.1 e poi la declassa a 6.1!”, denuncia su Facebook la senatrice Enza Blundo. “Quello che mi preoccupa è la finzione mediatica perché può fare danni maggiori del sisma stesso! Massima solidarietà e vicinanza per tutti coloro che sono stati danneggiati”, scrive.

Il problema è che la polemica si scatena per la versione originale del post su Facebook, cancellato dalla timeline della parlamentare ma, come quasi sempre accade, congelato dagli screenshot. E così si scopre che dopo la frase sul ‘declassamento’ c’era anche “ancora menzogne per interessi economici di governo!!!. Anche il terremoto che ha distrutto L’Aquila fu ‘addomesticato’ a 5,8… Il tutto – aggiungeva in maiuscolo – per non risarcire i danneggiati al 100%”. Un uno-due che scatena l’indignazione sul profilo Fb di Blundo, investita da critiche e insulti.

 

E’ la seconda polemica sui social scatenata in occasione del terremoto. L’altra di pochi giorni fa è stata innescata da un tweet del senatore M5s Andrea Cioffi. (AGI) 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.