TwitterFacebookGoogle+

Terremoto e castigo, Radio Maria sospende padre Cavalcoli

CdV – Radio Maria ha sospeso il frate domenicano padre Cavalcoli  a seguito delle sue parole sul terremoto in Centro Italia che sarebbe stato un castigo per la legge che ha ammesso le unioni vicivili per gli omosessuali. “Radio Maria”, si legge in una nota dell’emittente,”ritiene inaccettabile la posizione di Padre Cavalcoli riguardante il terremoto e lo sospende dalla sua trasmissione mensile”.

Ai microfoni dell’emittente cattolica di Erba il teologo, noto per le sue posizioni tradizionaliste, aveva affermato che il terremoto sta punendo il nostro Paese perché sono state approvate le unioni civili tra persone dello stesso sesso.

 
 

 

 

“Tale posizione non è in linea con l’annuncio della misericordia che è l’essenza del cristianesimo e dell’azione pastorale di Papa Francesco”, ha chiarito nella nota l’emittente radiofonica poche ore dopo la ferma condanna del Vaticano che prendendo le distanze da quanto detto dallo speaker aveva definito “deplorevoli” le affermazioni mandate in onda. L’emittente diretta da don Livio Fanzaga, inoltre, “si scusa se tali espressioni possono aver offeso la sensibilità dei fratelli terremotati ed esprime loro piena solidarietà e vicinanza nella preghiera. Radio Maria assicura, come già in passato, i collegamenti di preghiera con le zone terremotate per far sentire loro la vicinanza di tutta la Chiesa”. 

Anche la Cei è intervenuta a bacchettare l’emittente, peraltro indipendente dal Vaticano: “è un giudizio di un paganesimo senza limiti“, ha commentato monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza Episcopale italiana.

IL TEOLOGO INSISTE IN INTERVISTA CON RADIO CAPITAL

 “La Bibbia dice che siamo tutti peccatori e allora, cadiamo sotto i castighi divini“, ha rincarato a Radio Capital padre Calvacoli. “La morte è conseguenza del peccato, il terremoto è una conseguenza – aggiunge – La Bibbia dice che la morte è conseguenza del peccato, gli omosessuali, sono i più colpevoli perché il loro, è un peccato contro natura“. Più semplicemente, padre Cavalcoli spiega che “il delitto merita la punizione, tutto qui – dice – solo che il Papa insiste molto sulla misericordia…. “. 

 

Secondo il teologo poi, “è in atto una manovra della massoneria contro Radio Maria. In ogni caso – tranquillizza – non bisogna impressionarsi perché Cristo ha trasformato il castigo in redenzione, il segreto è quello lì, capito?”.

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.