TwitterFacebookGoogle+

Terremoto L'Aquila: riapre San Bernardino, tra monumenti simbolo

(AGI) – L’Aquila, 30 apr. – A sei anni dal terremoto che ha sconvolto L’Aquila e il suo territorio, riapre uno dei suoi monumenti simbolo. La grande Basilica di San Bernardino da Siena, fatta costruire con il sostegno economico delle famiglie piu’ importanti della citta’ alla fine del quattrocento da San Giovanni da Capestrano per ospitare le sacre spoglie del santo senese morto all’Aquila nel 1444, torna agli antichi splendori. Grazie ad un restauro durato quattro anni e’ stato minuziosamente ricomposto un complesso monumentale fortemente danneggiato dal sisma, riscoprendo anche testimonianze dell’edificio tardo gotico, cancellato dall’altro disastroso sisma che cambio’ il volto dell’Aquila: quello del 2 febbraio 1703. Un risultato importante se si considerano le grandi dimensioni della chiesa e le numerose ed importanti opere d’arte che conserva, un traguardo raggiunto anche grazie ad un lavoro sinergico tra il Provveditorato interregionale alle Opere Pubbliche Lazio Abruzzo Sardegna – sede coordinata di L’Aquila – le Soprintendenze per Beni Architettonici e Paesaggistici e Storici Artistici ed Etnoantropologici per l’Abruzzo e la Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila. In particolare la Fondazione Carispaq ha interamente finanziato, con un importante stanziamento, il restauro del prezioso soffitto ligneo, opera dello scultore Ferdinando Mosca di Pescocostanzo (1723 – 1727) e del pittore Girolamo Cenatiempo, artista allievo di Luca Giordano, che vi ha raffigurato episodi della vita di San Bernardino. Un intervento diretto dall’ex Soprintendente Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per l’Abruzzo, Lucia Arbace, ed eseguito dalle imprese Iciet Srl e Carnicelli Dario Srl, che ha permesso di riportare alla luce l’originario aspetto della grande opera che oggi si presenta con il fondo di un azzurro intenso. Il restauro dell’edificio di culto appaltato dal Provveditorato interregionale alle Opere Pubbliche per Abruzzo, Lazio e Sardegna ed eseguito dalla ATI Donati Spa ed EME Restauri Srl, ha riguardato in un primo momento, la cupola gravemente lesionata, la quale e’ stata innanzitutto consolidata e poi restaurata; si e’ proceduto alla riparazione di tutto il resto del corpo della Basilica. Particolare attenzione e’ stata posta al campanile per i vasti crolli che aveva subito, mentre la torre campanaria e’ stata restaurata grazie ad una serie di consolidamenti conservativi, sia da un punto di vista strutturale che da un punto di vista dell’apparato murario. E’ stato eseguito, in questo caso, un minuzioso lavoro di monitoraggio e catalogazione a terra per il recupero di tutte le pietre cadute dopo il crollo, riutilizzate per la ricostruzione della torre e della cella campanaria. “E’ sicuramente uno degli interventi piu’ importanti che il Provveditorato ha eseguito sul territorio – dichiara Roberto Linetti, provveditore interregionale alle Opere Pubbliche – per l’importo, circa 13 milioni di euro, per la durata del cantiere circa due anni, ma soprattutto per la complessita’ dell’intervento, sia per le scelte tecniche effettuate, sia perche’ ha coinvolto tante imprese specializzate nelle diverse discipline del restauro. Per questi motivi oggi siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto e soprattutto di riconsegnare alla citta’ uno dei suoi luoghi simbolo”. Non e’ stata naturalmente trascurata l’illuminazione del meraviglioso edificio: il nuovo impianto, che interessa sia la facciata che l’ interno, progettato dall’architetto Francesca Storaro e’ stato realizzato attraverso il posizionamento strategico delle luci, tutte a led, valorizzando le architetture rinascimentali (per quanto riguarda la facciata) e settecentesche (all’interno) della Basilica che rimarra’ illuminata anche di notte. Un percorso condotto in stretta collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell’Abruzzo che, sin dal primo intervento di consolidamento sulla cupola, ha partecipato attivamente – all’interno dell’ufficio di Direzione lavori – alla definizione degli aspetti esecutivi del restauro, dei materiali, delle scelte cromatiche. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.