TwitterFacebookGoogle+

Terremoto: lunedi' riaprono le scuola di Amatrice

Amatrice – Lunedi’ 14 novembre le scuole di ogni ordine e grado di Amatrice riapriranno le porte, dopo una settimana esatta dalla “serrata” di domenica scorsa. Una chiusura che si era resa necessaria, non senza polemiche pero’, vista la delicata situazione della viabilita’ locale. Una situazione che sta progressivamente migliorando, dopo l’avvio dei lavori sulle strade eseguiti da Astral, il gestore stradale della Regione Lazio. Cosi’, con 13 giorni di anticipo rispetto ai 20 annunciati al momento della chiusura, dopo appena una settimana il Comune riaprira’ le aule del nuovo complesso di Villa San Cipriano. Che nel frattempo si e’ arricchito anche dell’ala destinata agli studenti del liceo scientifico, i quali, lunedi’ prossimo, seguiranno la loro prima lezione nelle nuove aule, realizzate dalla Protezione civile della Provincia autonoma di Trento.La riapertura delle scuole scongiura definitivamente l’ipotesi di trasferimento nelle Marche di circa 300 persone, ipotesi che era gia’ stata bocciata dai genitori degli studenti di Amatrice al momento della chiusura del plesso scolastico, quando a causa della grave situazione della viabilita’ interna, fortemente danneggiata dall’ultimo terremoto, il sindaco Sergio Pirozzi aveva disposto 20 giorni di chiusura per consentire il ripristino delle strade. Ora, dopo appena una settimana, e con la situazione viaria in miglioramento, lo stesso sindaco decide di riaprire i cancelli della nuova scuola ai suoi studenti.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.