TwitterFacebookGoogle+

Terremoto: Renzi, stampa il denaro per la ricostruzione invece di tassare i cittadini

Ogni volta che avvengono catastrofi come terremoti, alluvioni, frane o altro, molti morti e crolli potrebbero essere evitati con un’opera di bonifica e messa in sicurezza del territorio. Purtroppo non ci sono le risorse per fare questo, peccato che i politici evitano abilmente di spiegare ai cittadini cosa sono le risorse, ovvero il denaro. Quindi come al solito, ora per l’opera di ricostruzione dovranno tassare i cittadini o togliere denaro pubblico risparmiando sui servizi. Cittadini già allo stremo, che non arrivano a fine mese o che vivono con lavori precari, senza parlare dei disoccupati a cui non si può chiedere niente o agli immigrati a cui, anzi, bisogna pagare 35 euro al giorno sempre con le tasse. Già, una brutta situazione senza via d’uscita, come risolvere?

Il vero problema è la mancanza di denaro, ma quello che evitano di dire TUTTI i politici è che ci hanno tolto la sovranità monetaria e non possiamo stampare più denaro. Chi è stato?

I banchieri sionisti che hanno in mano la BCE, ente privato e non pubblico, le cui quote sono costituite dalle banche centrali delle nazioni, come banca d’Italia, anch’essa privatizzata grazie al tradimento dei politici. Così ogni volta che serve denaro, come in questo caso, o aumentano le tasse o tolgono denaro a risorse essenziali ai cittadini, come la sanità o altro, oppure chiedono denaro alla BCE, che a questo punto stampa denaro addebitandolo agli stati, aumentando così il debito pubblico, che in realtà è una gigantesca truffa che non dovrebbe esistere se non ci avessero tolto la sovranità che deve essere del popolo/stato da costituzione.

Ogni guerra, catastrofe o situazione in cui serve il denaro, non fa che aumentare il debito verso i banchieri sionisti che hanno preso in ostaggio intere nazioni, mettendole in dittatura. Popolo italiano, il limite è stato abbondantemente superato, ora basta. Riprendiamoci l’Italia, aiutiamo i nostri fratelli, mettiamo in bonifica l’intero territorio e cacciamo politici e banchieri da questa nazione come ha fatto a suo tempo l’Islanda. L’ora X sta per scattare, uniamoci come si deve fare quando è in pericolo la vita ed il futuro nostro e dei nostri figli. che saranno schiavi di questi farabutti. I vari movimenti sovranisti continuano a non volersi unire, stando ognuno sulle sue posizioni, mentre l’Italia sta finendo e i nostri giovani ed anziani emigrano in cerca di una soluzione e l’immigrazione continua. Noi ci siamo, faremo a meno anche di loro se così hanno deciso, ma mai del popolo perché siamo persone oneste del popolo che si uniranno sotto 4 punti di un programma ben preciso:

1) Sovranità monetaria

2) Una sola banca dello stato

3) Debito detestato in quanto frutto di truffa

4) Statalizzazione delle grandi industrie che ci hanno tolto e che ci devono restituire

Il popolo siamo noi, lo stato siamo noi, il tempo dei piccoli passi del M5S è solamente uno specchietto per le allodole mentre stanno giungendo alla fase conclusiva, militarizzando le città. Cosa fai aderisci o sei un vigliacco che aspetti i soliti eroi che dovranno morire per te? Noi non faremo una rivoluzione, ma una liberazione dalla dittatura che è cosa diversa e legale.

Alessandro De Angelis cittadino di un’Italia sotto dittatura, che chiede di unirci per liberarla.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.