TwitterFacebookGoogle+

Terrore a Teheran: commando in parlamento,  Kamikaze al mausoleo di Khomeini

Terrore a Teheran, dove un gruppo di uomini armati ha dato l’assalto al parlamento iraniano e un kamikaze ha colpito il mausoleo dell’ayatollah Khomeini, nel sud della capitale.

Ecco quello che sappiamo

  • Al parlamento sono entrati in azione quattro uomini: alcuni armati di fucili d’assalto. Una guardia è stata uccisa. Cinque i feriti.
  • Tre attentatori anche al mausoleo di Khomeini tra cui una donna che si è fatta esplodere.
    • La donna che si è fatta esplodere era entrata armata dalla porta occidentale del mausoleo e quando la polizia le ha intimato di abbandonare l’arma ha fatto detonare la carica che aveva addosso.
  • I tre assalitori del parlamento si sono asserragliati nel cortile interno. Smentita la notizia che abbiano preso ostaggi, ma uno di essi è riuscito a uscire in piazza Baharestan, dove si trova l’assemblea legislativa, e ha aperto il fuoco sui passanti
  • La notizia che si fosse verificata un’esplosione nella metropolitana di Teheran è stata smentita dalle autorità.
  • Dopo che le forze di sicurezza hanno ripreso il controllo della situazione, i deputati iraniani hanno cominciato a scandire lo slogan. “Morte all’America, morte al suo servo: l’Arabia Saudita”.

 

The Moment when a suicide bomber detonates himself in areas near mausoleum of Imam #Khomeini in southern #Tehran +som other pics#Iran pic.twitter.com/3adRWlyzoT

— Tasnim News Agency (@Tasnimnews_EN) 7 giugno 2017

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.