TwitterFacebookGoogle+

Terrorismo: 2 arresti a Brescia, nel mirino base militare di Ghedi – VIDEO

(AGI) – Milano, 22 lug. – Volevano colpire la base militare di Ghedi, nel bresciano. Era questo l’obiettivo dei due uomini arrestati a Brescia questa notte, dalla polizia, con l’accusa di associazione con finalita’ di terrorismo anche internazionale o di eversione dell’ordine democratico. Si tratta di un tunisino Lassad Briki, nato nella citta’ ‘calda’ di Kairouan, in Tunisia, il 12/2/80, e di un pakistano Muhammad Waqas nato a Gujirat il 16/8/88.

Guarda il VIDEO

Tutti e due soggiornano regolarmente in Italia, dove lavorano da anni. Le indagini condotte dagli uomini della digos di Milano e del servizio polizia postale hanno permesso di accertare che gli indagati, sostenitori dell’organizzazione terroristica Is svolgevano continuativa attivita’ di istigazione pubblica in rete. Avevano attirato l’attenzione mesi fa, postando sui social media dei ‘selfie’ nei quali minacciavano obiettivi come il Duomo di Milano o il Colosseo. E questa notte sono finiti in manette.

“L’indagine e’ iniziata ad aprile di quest’anno – ha spiegato il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli -. da quando uno sconosciuto ha pubblicato molti messaggi di sostegno e pubblicita’ di sostegno allo stato islamico e di minaccia per i cittadini e le istituzioni italiane”. I selfie che si trovavano su internet, avevano sempre un obiettivo ‘sensibile’ sullo sfondo, e davanti un biglietto con le frasi di minaccia o di proselitismo dello stato islamico. Gli investigatori hanno lavorato su quel materiale e sono cosi’ arrivati al tunisino arrestato oggi. Da li’, il passo successivo sono state le intercettazioni, che hanno permesso di ricostruire il rapporto con l’altro arrestato, il pakistano, e dimostrare la loro adesione allo stato islamico con l’intenzione di partite per svolgere addestramento da mujahidin. Ma anche attivita’ terroristica all’interno del nostro paese. “Queste persone hanno parlato di piu’ obiettivi – spiega Romanelli -. Non c’e’ mai stato un inizio di passaggio all’azione. Si parlava soprattutto di base militare di Ghedi, nel territorio bresciano. E altri possibili obiettivi, comprese le forze dell’ordine, ma in modo generico, e a danno di una societa’ di ortofrutta, nella quale lavorava il tunisino, come addetto alle pulizie”. L’addestramento, in attesa di andare un giorno in Siria, se lo stavano facendo da soli attraverso un manuale reperito su internet: si intitola la guida del mujahidin nei paesi occidentali. Ci sono istruzioni sia sui comportamenti per passare inosservati sia per confezionare armi e ordigni in modo artigianali”. Tra il materiale raccolto dagli investigatori anche una foto che Il tunisino “posto’ dalla spiaggia di Sousse” che fu teatro dell’attentato dell’Isis il 26 giugno scorso. Anche se si esclude tuttavia un coinvolgimento in quei fatti: Briki era andato in Tunisia a trovare i parenti per il Ramadan. I due arrestati sono secondo le indagini due ‘cani sciolti’: non sono emersi collegamenti con altre organizzazioni. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.