TwitterFacebookGoogle+

Terrorismo: in Europa occidentale mai cosi' tanti morti dal 2004

(AGI) – Roma, 19 ago. – Il terrorismo ha colpito duramente l’Europa occidentale quest’anno: dall’inizio dell’anno, sono 143 le persone rimaste uccise, il dato peggiore dal 2004 quando le bombe sui treni a Madrid fecero 191 morti. E’ quanto riferisce una ricerca della Bbc, nella quale tuttavia si sottolinea come negli ’70 le cifre raggiunsero livelli superiori. L’Europa occidentale, quindi, non e’ preda di una “spirale discendente”. Inoltre, sostengono i ricercatori, solo il 6% degli attentati sono avvenuti in questa area, molti di piu’ sono quelli che hanno colpito il Medio Oriente, come Siria e Iraq.
Nonostante da gennaio notizie di attacchi e stragi abbiano tenuto banco sui quotidiani europei, negli anni ’70 la situazione era peggiore, come ha ricordato Erin Miller, che gestisce il Global Terrorism Database dell’Universita’ del Maryland: “C’era il conflitto in Irlanda del Nord con l’Ira, la lotta di liberazione nella regione basca tra Spagna e Francia e un certo numero di gruppi di estrema sinistra attivi in altre parti d’Europa”.
Se si allarga pero’ lo sguardo all’intera Europa, Turchia compresa, i numeri cambiano e il 2016 si presenta come quello tra i piu’ segnati da morti in oltre vent’anni. Sono infatti 892 le vittime nei primi 7 mesi dell’anno, anche se la cifra e’ controversa dal momento che il database considera in questo gruppo anche coloro che hanno perso la vita nel tentato colpo di Stato in Turchia.
Se luglio e’ stato un mese nero per il terrorismo in Europa, non e’ andata meglio nel resto del mondo, con 1.580 morti complessivi, anche se le cifre riguardanti alcuni luoghi, come Iraq e Siria, sono difficili da ottenere. In totale, il 30% delle vittime riguardano l’Europa , mentre solo il 6% la parte occidentale del Vecchio Continente. Miller ha messo in luce come negli ultimi anni, “la vasta maggioranza degli attacchi e’ avvenuta in un numero molto limitato di Paesi, come Iraq, Afghanistan, Siria e Nigeria”.
Questo pero’ non dissuade la gente dall’aver paura di essere uccisa in un attacco terroristico, benche’ le possibilita’ siano bassissime. “Rispetto a tutte le paure che il terrorismo genera, e’ quasi certo morire per qualcos’altro”, ha sottolineato Steven Pinker, professore ad Harvard, ricordando i tanti modi in cui la gente si uccide, “guerre, omicidi, incidenti stradali”. Il terrorismo pero’, “e’ progettato per generare un sacco di pubblicita’”: un fenomeno che “i terroristi conoscono” e sfruttano. (AGI)
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.