TwitterFacebookGoogle+

Terrorismo: Ros, prima indagine su forum Al Qaeda

(AGI) – Roma, 1 lug. – L’indagine antiterrorismo condotta dai carabinieri del Ros e’ la prima in Italia riguardante uno dei forum affiliati ad al-Qaida, creati a partire dalla prima meta’ degli anni 2000 da simpatizzanti dell’organizzazione fondata da Bin Laden, al fine di sostenerne il programma terroristico. Lo scopo di tali forum – spiegano gli investigatori – e’ di “diffondere l’ideologia di al-Qaida allo scopo di formare nuovi proseliti, avviandoli ad un percorso di radicalizzazione che, nelle intenzioni di coloro che li gestiscono, dovrebbe concludersi con la decisione a partecipare attivamente alla jihad violenta, ad esempio arruolandosi in un’organizzazione terroristica, partendo per una delle zone di guerra, oppure compiendo autonomamente attentati nei Paesi occidentali”. Nel 2011, uno dei membri del gruppo di gestione, il cui soprannome nel forum era “abujihad.47”, successivamente identificato nel 19enne algerino Khaled Amroune, partiva dal proprio Paese per la Siria, arruolandosi nelle fila dell’organizzazione Jabhat al-Nusra e restando ucciso in combattimento nei pressi del confine con la Turchia contro le truppe del governo siriano. Il suo martirio veniva poi celebrato all’interno del forum da Masseoudi ed El-Khalfi, elogiandone il passaggio dalla jihad mediatica a quella violenta. Il forum operava anche da tramite tra volontari intenzionati a recarsi in uno dei teatri della jihad per combattere e le organizzazioni terroristiche attive in quei territori, facilitandone il reclutamento. Ad esempio, nel 2012, dopo lo scoppio del conflitto siriano e l’entrata in scena di Jabhat al-Nusrah, gruppo terroristico affiliato ad al-Qaida, Masseoudi riceveva da un membro del forum una richiesta d’informazioni su come raggiungere la Siria dalla Palestina ed arruolarsi nell’organizzazione. Lo stesso Masseoudi, sfruttando la notorieta’ del forum i7ur, entrava in contatto con l’amministratore del profilo facebook ufficiale di Jabhat al-Nusra ottenendo le indicazioni richieste. Nel corso delle attivita’ d’intercettazione telematica dei pc degli indagati veniva acquisita anche la notizia relativa ad azioni terroristiche da compiere in Marocco, con l’obiettivo di colpire il locale Parlamento ed un festival della canzone in programma a Rabat. Le informazioni acquisite contribuivano all’identificazione dell’attentatore in Mouchine Archtal, arrestato dalla polizia marocchina prima di entrare in azione. Uno dei principali obiettivi dell’associazione era tuttavia quello di favorire processi di radicalizzazione di frequentatori del sito, per indurli a compiere attentati nei Paesi occidentali. In tale quadro, oltre a pubblicare molti numeri della rivista in lingua inglese “Inspire”, pubblicata da “al-Qaida nella Penisola Arabica” per promuovere la strategia terroristica dei “lupi solitari”, gli indagati hanno utilizzato gli attentati compiuti in Francia nel marzo 2012, da un cittadino francese d’origine algerina, Mohammed Merah, responsabile dell’uccisione di tre paracadutisti dell’esercito francese, di un rabbino e dei suoi figli e di un altro bambino. I membri del forum hanno seguito tutta la vicenda parteggiando per il terrorista ed esaltando il suo martirio, dopo l’uccisione ad opera della polizia francese. Nei giorni successivi, l’ideologo del forum, Mohammed Majene, pubblicava un lungo testo sull’importanza della strategia della “jihad individuale”, di cui gli attentati compiuti da Merah erano, secondo lui, un lodevole esempio. Sul sito veniva anche diffuso il video di al-Qaida “incarica solo te stesso”, in cui i leader dell’organizzazione, tra cui il cittadino americano Adam Gadahn, di recente ucciso nel corso di un attacco compiuto da un drone in Pakistan, incitavano i propri sostenitori ad attivarsi autonomamente e a compiere attentati terroristici in Occidente. Infine, allo scopo di aumentare la popolarita’ e l’influenza del forum “Ashak al-Hur” nell’ambito dei simpatizzanti di Al-Qaida, Masseoudi entrava in contatto con un membro di Al-Qaida in Iraq (ancora non separatasi da al-Qaida e ribattezzatasi “Stato Islamico”), al fine di ottenere video originali di azioni compiute dall’organizzazione terroristica da pubblicare in esclusiva nel forum. Lo stesso indagato avviava una trattativa con uno degli amministratori del forum al-Shumukh, il piu’ popolare forum jihadista utilizzato da al-Qaida e dalle organizzazioni affiliate, per ottenere la “tazkiya”, ossia la garanzia di affidabilita’ necessaria per entrare in contatto con i rappresentanti delle maggiori organizzazioni terroristiche in Internet. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.