TwitterFacebookGoogle+

Thailandia, due italiani feriti in un resort

Roma – Ci sono due italiani tra i 22 feriti nella raffica di attacchi che ha colpito le localita’ costiere della Thailandia. Lo ha confermato la Farnesina. Sono esplose in totale 11 bombe e hanno colpito 5 province meridionali. Nella maggior parte dei casi si è trattato di duplici esplosioni: i morti sono 4.

“Non e’ un attacco terroristico. E’ sabotaggio locale limitato ad alcune aree e province”, ha detto il portavoce della polizia nazionale, Piyapan Pingmuang, ai giornalisti a Bangkok.

Una doppia esplosione e’ avvenuta in un resort turistico a Hua Hin, a sud di Bangkok, 2 a Surat Thani, dove e’ rimasta uccisa una persona, 2 nella nota localita’ di Pukhet, dove al momento e’ incerto il numero dei feriti, una a Trang, dove e’ morta una persona. Si ha anche notizia di un’altro ordigno disinnescato.

Nelle due esplosioni a Hua Hin, 150 chilometri a sud di Bangkok, è morta una donna thailandese. Tra i 19 feriti 10 sono stranieri: oltre ai due italiani, ci sono quattro tedeschi, tre olandesi, e un austriaco. 

Secondo quanto si e’ appreso i due italiani sono Lorenzo Minuti, 21 anni, e Andrea Tazzioli, 51 anni. Il primo e’ stato portato al pronto soccorso ed e’ stato dimesso gia’ in serata. Il secondo e’ stato operato d’urgenza a causa di una scheggia che lo ha colpito alla schiena ma non sarebbe in condizioni preoccupanti. 

Le autorita’ locali hanno elevato il livello di allerta per le forze di sicurezza, invitando a evitare assembramenti nei luoghi affollati, cerimonie pubbliche, e limitare gli spostamenti non necessari. Nessun problema per strade, trasporti e aeroporti. Un portavoce della polizia ha legato la serie di attentati coordinati alle azioni dei movimenti separatisti che operano generalmente nelle regioni del sud del Paese, a maggioranza musulmana. “Le bombe, detonate a distanza con un cellulare, sono dello stesso tipo di quelle di solito utilizzate dai ribelli nel sud”, ha assicurato.

Sul sito www.viaggiaresicuri.it curato dall’Unita’ di Crisi della “si raccomanda ai connazionali di evitare la zona, di tenersi informati sugli sviluppi della situazione sui media e di seguire scrupolosamente le indicazioni delle autorita’ locali”. In caso di emergenza contattare l’Ambasciata d’Italia a Bangkok al numero 0066 81 825 61 03. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.