TwitterFacebookGoogle+

Tiroide: in 30% casi diagnosi tardive disfunzioni

(AGI) – Roma, 28 lug. – Segni e sintomi non sempre conducono
alla diagnosi di alterata funzione della tiroide. Questo uno
dei dati emersi grazie a Tiroide in Primo Piano, la campagna di
sensibilizzazione promossa dalla Fondazione Cesare Serono. Dai
1.203 questionari compilati da utenti con diagnosi confermata
di alterata funzione della tiroide e’ infatti emerso che, in un
terzo dei casi , alla diagnosi non si e’ arrivati grazie a
segni o sintomi tipici delle malattie della tiroide. E’ inoltre
emerso che le tiroiditi si associano piu’ spesso (nel 70 per
cento dei casi) ad alterazioni della funzione tiroidea e che,
nella maggioranza dei casi (52 per cento), ci si rivolge al
medico di medicina generale per definire la presenza di questi
disturbi. Buona la aderenza ai trattamenti: oltre il 90 per
cento delle persone con alterazioni della funzione della
tiroide assume le cure prescritte, mentre emerge una generale
insoddisfazione per l’assistenza offerta dal Servizio
Sanitario, considerata “scarsa” dal 58 per cento di questi
utenti. Di contro, oltre la meta’ delle persone si e’ detta
soddisfatta per come i medici hanno gestito il loro problema
tiroideo. Oltre al questionario dedicato alle persone con
accertata alterata funzione tiroidea, la Campagna Tiroide in
Primo Piano ne ha proposto un altro per chi non ha mai ricevuto
una diagnosi di questo tipo. Questo secondo questionario e’
stato compilato da 3.388 utenti del sito. I risultati hanno
evidenziato che facile irritabilita’ e stanchezza
ingiustificata sono i sintomi che, rispettivamente, il 74 per
cento e il 72 per cento degli utenti hanno dichiarato di
avvertire. Altri segni e sintomi segnalati con frequenza minore
sono stati: alterata sensibilita’ al caldo o al freddo (61 per
cento) e alterazioni della frequenza dei battiti del cuore (60
per cento). A fronte del fatto che tutti questi segni e
sintomi, pur se abbastanza generici, possono essere provocati
da alterazioni della funzione della tiroide, solo poco piu’ di
un terzo di questi utenti, come si rileva dall’analisi dei
questionari, ha eseguito esami di controllo della funzione
tiroidea nei due anni precedenti.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.