TwitterFacebookGoogle+

Torino Magica: i misteri di Borgo Po

torino magica-Paola Ceccarelli- Torino magica.

 Città di miti, leggende e riti scaramantici. Tra battute di scettici e seguaci, ogni quartiere ha le proprie credenze.

 La più importante di Borgo Po è senza dubbio quella legata al Gran Graal, secondo cui sarebbe nascosto proprio a  Torino: per ritrovarlo, occorrerebbe decifrare i simboli occulti presenti in una delle due statue posizionate sul pronao della Chiesa della Gran Madre, la figura a sinistra che rappresenta la Fede.

 Qualora il compito sia troppo complicato, basterebbe osservare attentamente il monumento: la coppa sarebbe celata dove indica il suo sguardo.

Non è l’unica leggenda del luogo: il quartiere ha infatti influenzato Emilio Salgari, la cui famiglia sarebbe stata colpita da maledizione. Lui fu trovato morto in Val San Martino, vicino a Villa Rey. In mano aveva un rasoio, mentre gli intestini foriuscivano da uno squarcio sull’addome

. Dei suoi quattro figli, Fatima finì in sanatorio, Romero e Omar si suicidarono e Nadir morì sotto un tram.
Tra le leggende della zona, ricordiamo quelle “metropolitane”: è il caso della pantera nera che, ciclicamente, torna ad essere avvistata in collina. Talvolta, anziché il felino, si parla di un unicorno.

Attraversato il Po, ci si imbatte in altri luoghi misteriosi.

 Nel 1900, per esempio, le cronache riportarono eventi inspiegabili verificatisi nello scantinato di una bottiglieria di Via Bava: lanci di bottiglie e altri fenomeni paranormali diedero al luogo il nome di “Cantina dei fantasmi”.
Anche le superstizioni sono di casa in città: ricordiamo agli studenti del Politecnico che salire sulla Mole prima d’aver completato il programma di studi rischia di far fallire la carriera universitaria; di contro, pestare gli attributi del toro sito in Piazza San Carlo porta bene ma solo dagli anni ’60 in poi. Prima, infatti, chi osava pestarlo veniva insutato e minacciato dagli avventori del Caffè Torino: il simbolo della città era intoccabile.

 Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.