TwitterFacebookGoogle+

Torna il terrore in Spagna: cosa è successo a Barcellona e a Cambrils

Spagna sotto attacco. Strage di turisti a Barcellona nel pomeriggio di ieri con un furgone che si è lanciato sulla folla sulla Rambla uccidendo 13 persone. Poi, nella notte, nuovo attacco a 120 chilometri dalla città catalana: 7 feriti e 5 presunti terroristi uccisi.

Cosa è successo in Spagna

 

3.30 polizia fa brillare le cinture esplosive

La polizia catalana ha effettuato delle esplosioni controllate nel club nautico, il luogo dove sono stati abbattuti i terroristi e si tratterebbe delle cinture esplosive che indossavano gli aggressori.

02.00 attentato a Cambrils, 5 terroristi uccisi

Veicolo sulla folla nella notte a Cambrils, 120 chilometri a sud di Barcellona.  Sette persone sono rimaste ferite e 5 terroristi sono stati uccisi dalla polizia. I presunti terrorisi indossavano cinture esplosive.

#Spagna, polizia sventa un secondo attentato vicino a #Barcellona: operazione antiterrorismo a #Cambrils, “uccisi i presunti attentatori” pic.twitter.com/TS25fKZa9c

— BlitzTV (@BlitzTVit) 18 agosto 2017

01.03: Ci sarebbe un italiano tra le vittime

Il sito del Quotidiano Nazionale riferisce nella cronaca locale di Legnano che tra le 13 vittime dell’attentato di ieri a Barcellona, rivendicato da Isis, ci sarebbe anche un italiano di 35 anni di cui viene resa nota l’identità. Ma la Farnesina non conferma.

00.46: Farnesina: irrintracciabili degli italiani, verifiche in corso

Secondo la Farnesina alcuni italiani non sarebbero rintracciabili a Barcellona in questo momento, ma non è detto che il motivo sia l’attentato del 17 agosto. 

00.45: Spenta in segno di lutto la Tour Eiffel di Parigi

00.20 Rajoy: “Solidarietà della Spagna a Barcellona”

“Il governo spagnolo ha deciso 3 giorni di lutto, fino al 24 agosto”. Così il premier Rajoy in conferenza stampa dopo la strage di Barcellona. Significativa politicamente la vicinanza di Rajoy all’indipendentista Barcellona che in autunno terrà un referendum per la secessione da Madrid. 

00.12: Attentato legato a esplosione del 16 agosto

L’attentato di Barcellona è legato ad un episodio inizialmente giudicato minore: l’esplosione di una casa ad Alcaran, a 200 km dal capoluogo catalano, che ha causato due morti e sei feriti. Lo hanno detto le autorità catalane in una conferenza stampa 

23.54: 3 turisti tedeschi e un belga tra le 13 vittime

Lo ha riferito il ministero dell’Interno della regione catalana

23.52: Facebook mette offline anche il profilo di Moussa Oukabir

Il profile del fratello 18 enne del primo sospettato dell’attentato di Barcellona è stato messo offline dal social network. Gli inquirenti sospettano sia lui il terrorista ancora in fuga. Sui social scriveva: “Se fossi io il re del mondo ucciderei tutti gli infedeli”

22.57: 2 terroristi arrestati, 1 ucciso, 1 forse in fuga

Erano tre i sospetti membri della cellula terroristica di Isis che ha colpito oggi a Barcellona. Un terzo sospetto potrebbe essere ancora in fuga, e per gli inquirenti spagnoli potrebbe essere il fratello minore di Driss Oukabir, Moussa, 18 anni, che sarebbe arrivato in Spagna una settimana fa dal Marocco. 

22.17: Un uomo va alla polizia: “Sono io Driss Oukabir”

Un uomo si è presentato alla polizia catalana affermando di essere Driss Oukabir e che la polizia aveva identificato come il presunto attentatore di Barcellona, diffondendone le foto. L’uomo è lo stesso del profilo Facebook “Driss Oukabir Soprano”, poi oscurato dal social network. L’uomo ha detto che gli sarebbero stati rubati i documenti di identità qualche giorno fa.

21.44: “L’attentatore alla guida sorrideva”

“Sorrideva” Così una testimone italiana ha descritto il conducente del furgone che si è scagliato sulla folla a Barcellona intervistata dal Tg2. “Abbiamo visto arrivare il furgone, il conducente guardava e sorrideva, aveva la barba lunga”. 

21.30: L’Isis rivendica l’attentato di Barcellona

Quello che molti sospettavano date le modalità dell’attentato è stato confermato dall’Isis, che rivendica l’attentato. 

21.29: Il bilancio dei morti è 13, 90 feriti, decine in gravi condizioni

Il bilancio delle vittime dell’attentato è stato aggiornato dalle autorità spagnole che parlano di 13 morti e almeno 90 feriti di cui sarebbero decine quelli in gravi condizioni

21.17: Arrestato una seconda persona per l’attentato

21.02: Ambasciatore Sannino: “Verifiche su italiani”

“Stiamo lavorando con le autorità locali per capire l’eventuale coinvolgimento di italiani” ha detto a Rainews Stefano Sannino, ambasciatore italiano in Spagna

20.39: Facebook oscura la pagina dell’attentatore 

Facebook ha oscurato il profilo di Driss Oukabir, il presunto attentatore di Barcellona. 

20.34: Media, sospetto morto in una sparatoria

Uno dei sospettati dell’attentato sulle Ramblas a Barcellona è morto in una sparatoria con la polizia, riferisce il canale televisivo Tv-3

Ore 20.24: Ufficiale, 13 morti

Ore 20.19: Polizia conferma l’arresto di un attentatore

Nessun attentatore sarebbe asserragliato in un bar di Barcellona. Uno sarebbe stato arrestato, si tratta di Driss Oukabir. Due attentatori sarebbero ancora in fuga. Gli ospedali dicono che 64 persone hanno ottenuto cure mediche. 

Ore 19.23: Ferite 32 persone, 10 in modo grave

32 feriti, almeno 10 in condizioni gravi dicono fonti ufficiali dagli ospedali spagnoli. 

Ore 19.20: Trovato un secondo furgone. Assalitori barricati 

La polizia ha trovato un secondo furgone nei pressi della zona dell’attentato, probabilmente quello che avrebbero dovuto usare per la fuga. In questo momento, da quanto riportano i media spagnoli, due attentatori sarebbero barricati con ostaggi in un ristorante di Barcellona e sarebbero in contatto con la polizia. 

Ore 19.19: Telecinco diffonde la foto di uno dei presunti attentatori

MÁXIMA DIFUSIÓN | Este es el aspecto del presunto autor del atentado en #LasRamblas https://t.co/5LOxhUYibB pic.twitter.com/tb9szwQsKA

— Telecinco (@telecincoes) 17 agosto 2017

Ore 19.00: Le  autorità: “Per ora confermiamo un morto e 32 feriti”

“Per ora confermiamo un morto e 32 feriti, per ora non possiamo dire di più”. Così le autorità spagnole alla stampa parla per la prima volta dopo l’attentato con Joaquim Forn, ministro degli Interni: “Questi sono gli unici dati ufficiali”. Mentre i media parlano di almeno 13 morti, le autorità per ora non si sbilanciano. 

Ore 18.50: La Vanguardia: “Ci sono almento 12 morti”

Per la polizia catalana è terrorismo e sono stati attivati i protocolli di sicurezza previsti in questi casi. La Vanguardia parla di 12 morti, mentre El Periodico parla di 13 morti. 

Ore 18.40: Radio Cadena, ‘Almeno 13 morti’

Sui social cominciano a circolare dei video che raccontano gli istanti subito successivi all’attentato. Si vedono diversi corpi a terra, il sangue sull’asfalto, la gente ammassata a terra vicino alle bancarelle. Decine di corpi, molti di questi non davano segni di vita. In questi minti Radio Cadena parla di 13 morti, ma non ci sono conferme ufficiali sui numeri. Secondo i testimoni ascoltati dalla polizia il furgone si sarebbe scagliato sulla folla ad almeno 80km/h.

Ore 18.21: I sospetti sono due, scrive El Pais

Secondo El Pais i sospetti sarebbero due, entrambi asserragliati in un ristorante di Barcellona

Ore 18.16: Il cordoglio del primo ministro Paolo Gentiloni

#Barcellona splendida e amica è sotto attacco Italia vicina alle autorità locali e spagnole. Pensieri rivolti alle persone colpite

— Paolo Gentiloni (@PaoloGentiloni) 17 agosto 2017

Ore 18.06: “L’uomo si è barricato in un ristorante”

I giornali spagnoli riportano di una sparatoria che sarebbe avvenuta a poche centinaia di metri da La Rambla. L’uomo sarebbe ancora libero di circolare. Rainews citando fonti spagnole dice che l’uomo si sarebbe barricato in un ristorante e che probabilmente ha con se degli ostaggi. Il ristorante, secondo i media spagnoli, sarebbe Aromas de Istambul. 

 

Ore 18,00: La polizia conferma: è un attentato. Due morti

Il furgone che si è lanciato contro la folla a Barcellona è un attacco terroristico. Lo ha detto la polizia. Almeno due persone sono rimaste uccise, diverse altre ferite. Caccia al conducente del mezzo, fuggito a piedi.

Ore 17,04: notizie di morti, ma non ancora confermate

Un furgone è piombato sulla folla questo pomeriggio a La Rambla di Barcellona, lo riporta il quotidiano spagno El Pais. Secondo diversi testimoni ascoltati dalla polizia spagnola l’autista dopo aver scagliato il furgone sulla folla avrebbe tentato la fuga, riuscendoci. Finora non è noto il numero di feriti nell’incidente. In questo momento tutta l’area è stata transennata. Si tratta di una delle aree più frequentate della città, particolarmente affollata in questo periodo dell’anno. 

Fonti della polizia hanno spiegato che si tratta di un furgone bianco che ha travolto molte persone e dopo l’azione l’autista è fuggito a piedi. In questo momento a Barcellona è caccia all’autista. 

+++ IMMAGINI TERRIBILI DA #BARCELLONA+++ #barcelona pic.twitter.com/sbxiEKlN9d

— ⓅⒶⓉⒺ (@paolopaterno) 17 agosto 2017

Fonti ufficiali riportate da La Vanguardia, giornale di Barcellona, dicono che si tratta di attentato terroristico 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.