TwitterFacebookGoogle+

Toscani mobilita il centrosinistra su Twitter

Nella proverbiale “analisi della sconfitta” di un Pd ancora tramortito dalla batosta del 4 marzo e lacerato dalle divisioni interne, irrompe energico il fotografo Oliviero Toscani che, dopo una serie di accese polemiche contro la linea dura sull’immigrazione del neo ministro dell’Interno Matteo Salvini, decide di scendere in campo e di iscriversi al Pd, per partecipare alla “resistenza” contro l’ondata grillo-leghista. 

Mi sono appena iscritto felicemente al PD, sezione centro storico di Roma. Finché morte non ci separerà. È il mio quarto matrimonio. @pdnetwork pic.twitter.com/uJBTeIJxGk

— oliviero toscani (@OToscani) 14 giugno 2018

Affinità e divergenze tra il compagno Calenda e lui

È l’autore delle celebre campagne pubblicitarie di Benetton il nuovo “papa straniero” della sinistra? Nella politica italiana tutto è possibile. Quel che è invece impossibile è evitare parallelismi con il blitz con il quale, due giorni dopo il voto, l’ex ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda si iscrisse al partito del Nazareno, agitato dal verdetto delle urne e dalle “dimissioni post-datate” di Matteo Renzi. Non per rincorrere ambizioni personali o dar vita a un’altra formazione ma per risvegliare un Pd che rischiava, e rischia, di finire ai margini dell’arena, anche in virtù delle sue scelte “aventiniane”. In fondo Toscani non si sta proponendo la stessa cosa?

I parallelismi con Calenda non finiscono qua. Entrambi hanno un profilo da ‘outsider’ e entrambi sono molto attivi sui social network. È infatti a Calenda che Toscani si rivolge in un altro tweet, sfoderando la tessera nuova di zecca e chiamandolo “compagno”, forse con un po’ di ironia, data l’estraneità di Calenda alla tradizione post-comunista.

Compagno @CarloCalenda ci sono anch’io. pic.twitter.com/hIxpml96Pz

— oliviero toscani (@OToscani) 14 giugno 2018

“Un grande manifesto di resistenza”

In contrasto con l’aplomb di un Gentiloni o di un Martina, Toscani – che è un privato cittadino e può permetterselo – ci va giù duro e usa riferimenti molto espliciti. I leghisti sono paragonati senza mezzi termini ai nazisti.

Sono fiero di avere capito fin da subito, tempo fa, quanto fosse cretino Matteo Salvini. E naturalmente cretino rimane. Quando ci sarà il prossimo processo di Norimberga non solo lui, ma anche i suoi seguaci collaborazionisti saranno sul banco degli imputati. #Aquarius

— oliviero toscani (@OToscani) 10 giugno 2018

Contro i quali andrebbe organizzata, pertanto, una vera e propria “resistenza”. Ai microfoni di ‘La Zanzara’, dove gli intervistati notoriamente si lasciano andare, Toscani non esclude ci possa volere “una nuova lotta armata”. Ma se i capi dell’antifascismo dovevano muoversi nell’esilio e nella clandestinità, con l’Ovra che li spiava e i sicari del Reich alle calcagna, la nuova resistenza, per ora, prende forma alla luce dei social network. E l’arruolamento avviene su Twitter.

Sono pronto a fare una foto di gruppo a @PaoloGentiloni, @graziano_delrio, @CarloCalenda, @maumartina, @giulianopisapia, @emmabonino (e altri?) per un grande manifesto di resistenza. Questa fotografia sarebbe l’occasione per discutere del grande futuro che ci aspetta. Ci state?

— oliviero toscani (@OToscani) 19 giugno 2018

Gli interpellati replicano. 

Grande!

— Paolo Gentiloni (@PaoloGentiloni) 19 giugno 2018

Ottima idea

— Emma Bonino (@emmabonino) 19 giugno 2018

Pronto!

— Carlo Calenda (@CarloCalenda) 19 giugno 2018

Presente! Con tanti che vogliono dare una mano!

— Maurizio Martina (@maumartina) 19 giugno 2018

Io sono pronto !

— Graziano Delrio (@graziano_delrio) 19 giugno 2018

E Renzi non viene citato

La prima cosa che salta all’occhio è che, tra le varie figure citate, manca il nome di Matteo Renzi. In un’intervista che verrà pubblicata domani, Toscani ci spiegherà che l’invito è rivolto anche a lui. I follower non possono però non domandarsi perché quello dell’ex segretario non sia tra i primi nomi che gli siano venuti in mente. Lo considera forse l’unico responsabile della debacle? Avendo simpatia per Calenda, Toscani sarà per definizione anti-renziano? I simpatizzanti del politico fiorentino non possono che porsi il problema.

Mettici anche Renzi!

— GioDG53 (@GioDg53) 19 giugno 2018

Se non c’e’ Renzi neanche io ci sto!

— Sandro De Luca (@SandroDeluca2) 19 giugno 2018

Un’iniziativa controproducente?

Possiamo parlare di un ulteriore passo avanti nella disintermediazione della politica, come nel caso di Matteo Salvini e Luigi Di Maio, che si rivolgono agli elettori direttamente sui social, abbattendo ogni distanza? Si tratta di un caso ben diverso. Toscani si rivolge a parte della leadership di una coalizione. E il rischio è che l’iniziativa possa far apparire il centrosinistra ancora più distante da quei ceti popolari che lo hanno abbandonato in massa per votare M5s e Lega, percependolo come il partito delle élite, dei pochi contro i molti. Una distanza che una foto firmata Toscani per un “grande manifesto della resistenza” potrebbe allargare ulteriormente. Il messaggio contenuto in alcune risposte è molto chiaro. E non arrivano certo tutte da sostenitori di partiti avversari. 

Lavorare nelle periferie e nel disagio forse? Una volta il PCI aveva militanti che vendevano l’Unità agli angoli delle strade insieme ai lavoratori. Oggi si lanciano tweet comodamente da ogni dove.

— passionescatto (@passionescatto) 19 giugno 2018

La VERA RESISTENZA la stiamo facendo in centinaia di migliaia NOI @Terremotati che abbiamo perso case, terre e comunita’.
Vergognati tu e @PaoloGentiloni che scrive Grande! Grande di cosa!

— Monica #ACasaSonoAndati (@MonycaMarini) 19 giugno 2018

Ma davvero credete che possa a servire a qualcosa? Ma voi parlate con le persone? Sarebbe come fare la foto di quelli dell’élite contro cui scagliarsi. Già immagino le reazioni. E’ un nuovo discorso potente che deve essere sviluppato, non la foto dei resistenti.

— Sofia Ventura (@Sofiajeanne) 19 giugno 2018

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.