TwitterFacebookGoogle+

Tra embrione o feto e bambino c’è differenza

Crescita fetoRiguardo all’aborto, sul blog “Come Gesù” del sacerdote Mauro Leonardi, osservavo che non è giusto definire bambini gli embrioni o i feti.
Ne sono venute fuori diverse discussioni.

Trascrivo le domande di una signora. Scrive: “Hai due figlie. Una viene da te e ti dice di aspettare un bambino (userà questa parola:bambino), e sarà massimo al terzo mese quando te lo dirà. Quindi il suo bambino sarà un feto. E tu ti sentirai nonno.

Poi viene l’altra figlia: è incinta, come la prima. Non vuole tenere il bambino. Cosa trasforma quel nipotino in un feto? Cosa cambia per te e il dolore di tua figlia chiamarlo non più bambino e chiamarlo feto?”.
Ed ecco la mia risposta:  “Risponderò con un’altra domanda, un po’ cruda, ma necessaria per capire la differenza tra embrione e bambino, tra feto e bambino.

Due figlie. Una ha un bambino di un anno, l’altra è incinta. Un giorno viene da te quella incinta e ti comunica che ha abortito. Grande dolore per te. Poi viene l’altra e ti dice che ha gettato il bambino nel fiume.  Stesso identico dolore per la soppressione dell’embrione o del feto, e per l’infanticidio? Rispondi onestamente a te stessa, non a me perché ritengo enorme la differenza. A prescindere, ovviamente, dalle conseguenze penali per l’uccisione del bambino. Ciò detto, non vorrei essere frainteso. Ritengo l’aborto oggettivamente cosa cattiva, e penso sarebbe giusto fare il possibile perché una donna non si trovi mai ad avere una gravidanza indesiderata.

Renato Pierri

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.