TwitterFacebookGoogle+

Tre euro l'ora per raccogliere pomodori, blitz GdF nel catanese

(AGI) – Catania, 7 set. – Tre euro l’ora per racogliere pomodori nei camopi in provincia di Catania. E’ uno degli abusi scoperti dalla Guardia di Finanza durante un blitz che ha permesso di portare luce posizioni irregolari in un’impresa agricola di Grammichele sei lavoratori erano impiegati nella raccolta dei pomodori senza alcun contratto e tantomeno la prevista copertura previdenziale. I riscontri effettuati hanno evidenziato che i tre ghanesi, due senegalesi e un gambiano, tutti muniti di permesso di soggiorno, lavoravano in nero presso l’azienda da circa un mese, prestando la propria opera per circa dieci ore al giorno e ottenendo un compenso di 30 euro. Analoghi controlli a ristoranti di Caltagirone e di Scordia, a seguito dei quali sono stati individuati altri 11 lavoratori “in nero”, tutti italiani risultati sprovvisti del contratto d’assunzione e della comunicazione preventiva prevista circa l’instaurazione di rapporto di lavoro. Al termine delle ispezioni e’ stata interessata la Direzione provinciale del lavoro di Catania, per l’emissione del provvedimento sospensivo delle attivita’ imprenditoriali. Sono state anche avviate le procedure per una maxi-sanzione che va da un minimo 1.950 euro ad un massimo di 15.600 euro per ogni posizione irregolare. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.