TwitterFacebookGoogle+

Trump contro Slim, patron messicano New York Times

Washington – Il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali dell’8 novembre, Donald Trump, ha accusato oggi il miliardario messicano Carlos Slim, uno degli uomini più ricchi del mondo e proprietario del New York Times di usare il suo giornale come una clava per aiutare la rivale democratica Hillary Clinton. “Il maggiore azionista del Times è Carlos Slim. Carlos Slim, come sapete, viene dal Messico. Ha dato molti milioni di dollari ai Clinton sua sponte (per la Fondazione Clinton, ndr)” ha detto Trump a Greensboro in North Carolina aggiungendo che quindi “i giornalisti del New York Times non sono reporter ma lobbisti di Slim e Hillary Clinton. E non possiamo permettere che questo accada, che siano loro a decidere il risultato di queste elezioni” Trump, che ha esordito la sua campagna elettorale lo scorso anno con una serie di attacchi ad alzo zero contro i messicani, accusati di essere “criminali” tout court, sostiene che il messicano Slim stia usando il New York Times come un’arma impropria contro di lui, ricordando come proprio la “grey old lady” (come e’ conosciuta’ la storica testata) sia il quotidiano piu’ schierato contro di lui e quello che ha pubblicato il maggior numero di testimonianze di donne che lo hanno accusato di molestie sessuali. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.