TwitterFacebookGoogle+

“Tu sei la luce del mio mondo”. Duterte canta una serenata per Trump

Rodrigo Duterte con Barack Obama non si era mai preso. Tanto da avergli dato testualmente del “figlio di puttana” e averlo invitato ad “andare all’inferno”, in seguito alle critiche dell’ex inquilino della Casa Bianca ai metodi durissimi utilizzati dal presidente filippino nella repressione del narcotraffico. Con Donald Trump, ospite a Manila per il vertice Asean, è stato invece amore a prima vista. Durante la serata di gala con gli altri capi di Stato, Duterte è salito sul palco per cantare, insieme alla popstar locale Pilita Coralles, “Ikaw” (“Tu”), una canzone d’amore filippina che inizia con i romantici versi “tu sei la luce del mio mondo e metà di questo mio cuore”. Dopo l’improvvisata, Duterte ha affermato di essersi cimentato nell’improvvisata “per ordine del comandante in capo degli Stati Uniti, Donald Trump”.

Le Filippine sono uno dei maggiori alleati militari degli Usa, dei quali sono un’ex colonia. L’elezione di Duterte, definito il “Trump dell’Est” per i suoi modi non proprio politicamente corretti, aveva però danneggiato le relazioni tra Manila e Washington. Obama aveva accusato l’ex sindaco di Davao, di scarso rispetto dei diritti umani per la mano pesante adottata nella lotta alla droga, che ha contato finora 3.900 morti (autodifesa secondo la polizia filippina, esecuzioni sommarie secondo gli attivisti). Trump si è ben guardato dal ripetere tali rilievi, anzi, lo scorso maggio ne ha lodato “il lavoro incredibile” nel contrasto al traffico di stupefacenti. Ricomponendo l’idillio con un partner che stava ormai entrando nell’orbita di Russia e Cina.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.