TwitterFacebookGoogle+

Tunisia: dichiarato stato d'emergenza, Essebsi "siamo in stato di guerra"

(AGI) – Tunisi, 4 lug. – Il presidente tunisino Beji Caid Essebsi ha dichiarato lo stato d’emergenza in seguito all’attentato del 26 giugno sulla spiaggia a Sousse. L’annuncio ufficiale da parte dello stesso Essebsi in un discorso alla Nazione. L’ultimo stato d’emergenza era stato dichiarato a meta’ gennaio del 2011 dopo la fuga del presidente deposto Zine El Abidine Ben Ali ed era stato revocato il 6 marzo 2014.

COSA PREVEDE LO STATO D’EMERGENZA

“Le forze di sicurezza tunisine sono in stato d’allarme e noi siamo in stato di guerra”. Con queste parole il presidente tunisino, Beji Caid Essebsi, ha annunciato l’inizio dello stato d’emergenza in tutta la Tunisia. Il capo dello stato ha spiegato che “lo stato d’emergenza e’ giustificato dalla situazione eccezionale che ci troviamo ad affrontare. Varra’ per 30 giorni su tutto il territorio nazionale dopo il via libera del parlamento”. Essebsi ha giustificato questo provvedimento con la necessita’ di combattere il terrorismo in quanto lo Stato islamico vuole instaurare un Califfato, mentre “noi vogliamo un paese democratico con un sistema repubblicano laico e non torneremo indietro. Noi abbiamo una Costituzione laica e i terroristi vogliono il Califfato”. Essebsi ha infine ringraziato “l’Algeria che sta al fianco della Tunisia nella lotta al terrorismo”.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.