TwitterFacebookGoogle+

Turchia: battaglia per presidenza Parlamento, sfida filocurda

(AGI) – Istanbul 22 giu. – I filocurdi di Selattin Demirtas puntano alla presidenza del parlamento turco. Forti del successo elettorale nelle recenti elezioni politiche, che hanno tolto a Recep Tayyip Erdogan la maggioranza assoluta, sono pronti a sfidarlo ancora: il loro candidato, in questo caso, e’ Dengir Mir Mehmet Firat. “Siamo stati votati dalla gente per portare avanti il processo di pace, abbiamo un impegno con chi ci ha dato fiducia” ha spiegato Demirtas, astro nascente della politica nel paese della Mezzaluna, riferendosi ai negoziati in orso per la formazione del governo. “Fare teatro nel periodo in cui si discute per la formazione del governo non e’ costume del mio partito”, ha aggiunto Demirtas, senza risparmiare una stoccata al leader nazionalista Devlet Bahceli, in odore di coalizione con gli islamici moderati del Partito per la giustizia e lo sviluppo (Akp): “Non lo prendo sul serio”. In base a notizie trapelate sabato i nazionalisti di Bahceli, eredi politici dei lupi grigi, nonostante i proclami degli ultimi mesi sarebbero in procinto di fare una coalizione con l’Akp. Alle elezioni dello scorso 7 giugno i filo curdi e i nazionalisti hanno ottenuto lo stesso numero di seggi: 80. Primo partito si era confermato l’Akp di Erdogan con 258 seggi, mentre i repubblicani del Chp hanno conquistato 132 seggi. Per governare sono necessari 276 seggi, per la prima volta dopo 13 anni l’Akp non governera’ da solo. .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.