TwitterFacebookGoogle+

Turchia: crollo del turismo, ai minimi da 22 anni

Istanbul – Il turismo in Turchia, gia’ appesantito da ripetuti attacchi terroristici, tocchera’ il fondo dopo l’attentato kamikaze all’aeroporto di Istanbul in cui sono morte 36 persone e altre 147 sono rimaste ferite. Il 2016 puo’ essere definito l’annus horribilis per il turismo e gli arrivi sono ai minimi da 22 anni. Quello di ieri e’ il quinto attacco kamikaze in un anno, le immagini dell’ennesima carneficina sono ben lontane da quelle dei depliant turistici. In un anno gli attentati ad Istanbul e Ankara hanno prodotto 200 morti e migliaia di feriti, scoraggiando i turisti i cui arrivi sono ai minimi da 22 anni. Questi attacchi hanno danneggiato un’industria fondamentale per la Turchia che portava almeno 30 miliardi di euro l’anno. A maggio il ministero del turismo ha comunicato il piu’ massiccio calo degli arrivi da 22 anni con un calo di quasi il 35% del numero dei turisti stranieri a 2,5 milioni di visitatori. Se il numero dei turisti russi e’ logicamente crollato per lo scontro diplomatico tra Ankara e Mosca (90%),gli arrivi sono diminuiti anche per altre nazionalita’: prima di tutto tedeschi, georgiani e britannici. In totale nel corso dei primi 5 mesi dell’anno sono diminuiti del 23%. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.