TwitterFacebookGoogle+

Turchia: l'Ue chiede "ritorno rapido a ordine costituzionale"

Ulan Bator – L’Unione Europea ha chiesto “un ritorno rapido all’ordine costituzionale in Turchia”, dopo il tentativo di putsch; e il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, ha osservato che le difficoltà persistenti del Paese “non possono essere risolte con le armi”. Di fronte al tentativo di colpo di Stato, l’Ue sostiene pienamente “il governo democraticamente eletto, le istituzioni del Paese e lo Stato di diritto”, hanno sostenuto in una dichiarazione congiunta Tusk, il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, e il capo della diplomazia europea, Federica Mogherini. I vertici Ue hanno parlato dalla Mongolia, dove è in corso da venerdì l’11esimo summit Europa-Asia (Asem),un forum di cooperazione che raccoglie una cinquantina di Paesi. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.