TwitterFacebookGoogle+

Turismo sessuale femminile, parla il prostituto: “Cosa mi chiedono le donne, quali sono le più assatanate”

Turismo sessuale femminile, parla il superdotato: "Le donne in cerca di sesso, cosa faccio"

25 Agosto 2017 –

Non esiste solo il turismo sessuale maschile. Anche le donne partono da sole per lidi lontani in cerca di piacere. Un fenomeno che prende piede dagli anni Ottanta: circa 600mila persone ogni anno. Le donne viaggiano in luoghi esotici (di solito i Caraibi, appunto, ma anche il Medioriente, l’Africa nera) e incontrano ragazzi locali con cui intrecciano una vera e propria storia. Spesso più giovani e piacenti, a volte si illudono di averli fatti innamorare. Poi quando i loro “belloni” chiedono il conto, finisce l’illusione.

Sul sito Linkiesta.it si parla del fenomeno. Riprendendo le interviste fatte a questi bei ragazzi, soprattutto della Repubblica Dominicana, si nota una prima distinzione importante: quando cercano una conquista sessuale tra le turiste, si rivolgono a quelle giovani (di solito tra i venti e i trent’anni) e bionde. Se vogliono soldi, allora ripiegano su donne più mature (dai 40 in su) o sovrappeso. Pratici e perfidi.

I ragazzi vanno nelle spiagge. Le prede più ambite sono le turiste meno abbronzate. Sanno che i primi giorni devono essere sorridenti, gentili e molto disponibili. Spesso portano fiori, si offrono come guide e istruttori di danza. Secondo gli studiosi del fenomeno le donne più facili sono le canadesi francesi, seguite dalle canadesi inglesi. Poi, al terzo posto, le italiane.

Le donne del Quebec sono convinte che siamo preferibili per il sesso”, dichiara uno dei bellocci intervistati. “Essere neri è meglio, è più esotico”, dice un altro “prostituto”. All’inizio è meglio non parlare del vil denaro. Disturba l’illusione di un rapporto romantico. Sottilmente fanno capire però di averne bisogno, si fanno venire la faccia triste quando nelle conversazioni ci si riferisce alle possibilità economiche.

E il sesso? I belli da spiaggia sono disponibili e generosi, accontentano ogni richiesta e si preoccupano degli orgasmi. Secondo Jesus, di Puerto Viejo, in Costarica, “se una donna prende la mia energia, mi deve qualcosa in cambio”. A differenza delle donne, sanno che la merce di scambio non è il sesso fine a se stesso, la prestazione fisica, ma l’intimità.

http://www.liberoquotidiano.it/news/sfoglio/13222693/turismo-sessuale-femminile-prostituto-destinazioni-pratiche-sesso.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.