TwitterFacebookGoogle+

Tutti i numeri dell'Airbus di Stato (usato anche con un solo passeggero a bordo)

Ottantotto viaggi in tutto, anche molto brevi, su 41 dei quali c’è il segreto di Stato. Su 300 posti, quali utilizzati in media sono stati 23, per un costo orario di 25 mila euro. Sono alcuni dei numeri dell’Airbus di Stato, voluto dal governo Renzi, e utilizzato negli ultimi anni da esponenti del governo (mai dal premier toscano). Anche da un ministro solo: il 21 gennaio scorso, il super aeroplano partito da Bruxelles in direzione Roma, aveva un solo passeggero a bordo, Angelino Alfano, ministro degli Esteri. Numeri che Il Fatto Quotidiano ha ottenuto dopo aver fatto un accesso agli atti presso la presidenza del Consiglio, numeri ufficiali e pubblici, dunque, che chiariscono una volta per tutte i costi e il tipo di utilizzo fatto finora dall’Airbus.

150 milioni di euro per il leasing di un Airbus sono uno spreco inaccettabile. Cancellare questo scandalo dimostra che manteniamo le nostre promesse. Diciamo definitamente addio alla Seconda Repubblica, fatta di sprechi e privilegi. Il cambiamento è iniziato #MaiPiùAirForceRenzi! pic.twitter.com/TextUbAzC3

— Riccardo Fraccaro (@riccardo_fra) 27 luglio 2018

Il giornale diretto da Marco Travaglio pubblica date e tratte di tutti i voli compiuti dall’aereo affittato in leasing dal governo precedente. Contratto che Giuseppe Conte ha deciso di disdire e sul quale è anche in corso una verifica della Corte dei conti. 150 milioni di investimento complessivo finora sostenuto dalle casse dello Stato. L’Airbus 340 è stato utilizzato per due volte anche da Sergio Mattarella, per le sue trasferte di Stato in Argentina e Uruguay.

Scrive il Fatto: “Il contratto iniziale prevedeva oltre al leasing per 70 milioni, costi di manutenzione per 32 milioni, altri 12 milioni per l’handing (il supporto a terra) e il ricovero a Fiumicino, 4 milioni per l’addestramento piloti e altri 20 per il riallestimento della versione ‘vip’ (poi saltata”.

Nel reportage il Fatto segnala come l’aereo fosse stato affittato per le tratte molto lunghe, ma poi si stato di fatto utilizzato per viaggi brevi, anche di poche centinaia di chilometri, il che ha reso il costo-chilometro ancora più alto. “Un biglietto di linea può costare anche 100 volte di meno”. L’aereo non ha mai trasportato più di 120 passeggeri.

L’Air Force Renzi ha volato 88 volte: ecco chi l’ha preso. La lista – Il costoso Airbus usato anche sulle rotte più brevi: Alfano è tornato da Bruxelles da solo. In media 23 passeggeri a bordo. Costo: 25mila euro l’ora. https://t.co/fW6uY2tfQn

— Elio Lannutti (@ElioLannutti) 3 agosto 2018

I numeri sull’Airbus sono stati diffusi anche sul Corriere della Sera. Scrive Gian Antonio Stella: “Spiccano, nella tabella dei 47 voli annotati alla voce «A340», che potrebbe contenere solo i viaggi più significativi, alcune trasferte di Paolo Gentiloni (Tbilisi, Abidjan, Ankara, Beirut, Jerevan…) quand’era ministro degli Esteri. E uno di Roberta Pinotti a Riad. Tutti gli altri, dice la lista, li ha fatti l’allora ministro degli esteri Alfano. Con 31 persone a Lubiana, con otto a New York, con nove (ma solo due al ritorno) a Washington, dieci a Giakarta, sette ad Abu Dhabi…

Grazie a Renzi per aver deciso di denunciare la senatrice M5s Lupo per la vergognosa campagna denigratoria sull’Airbus di Stato.
La denuncia, però, avrebbe dovuto presentarla il Pd. Ad essere offeso non è soltanto il buon nome di Renzi, ma di tutti i sostenitori del governo Pd. pic.twitter.com/pQ4krqG04h

— Michele Anzaldi (@Michele_Anzaldi) 30 luglio 2018

Ancora Stella: Numeri che contrastano clamorosamente, se saranno confermati, con gli spazi a disposizione degli ospiti mostrati l’altro giorno dai due ministri nel reportage sul velivolo da tempo nel mirino dei pentastellati. File e file e file di sedili, vuoti come praticamente sono sempre stati in tutte le «escursioni» estere. «E tutto per cosa?», ha chiesto Danilo Toninelli, «Per riempire l’ego di Matteo Renzi». «L’aereo doveva stare a Ciampino ma non è stato possibile perché è troppo grande, come l’ego di Renzi», ha rincarato Luigi Di Maio, «Lui ci voleva mettere anche la vasca Jacuzzi…». Replica renziana: «Il cosiddetto Air Force Renzi è una delle più grandi bufale messe in campo dal M5S, un attacco personale, perché non hanno possibilità di fare un ragionamento sull’export».

Leggi qui il servizio integrale del Corriere della Sera

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.