TwitterFacebookGoogle+

Ucciso il boss degli scafisti Tripoli: "Sono stati gli italiani"

(AGI) – Roma, 26 set. – Salah Al Maskhout, uno dei principali boss tra i trafficanti di uomini, e’ stato ucciso questa mattina da un commando a Tripoli, poco dopo avere lasciato l’abitazione di alcuni suoi parenti nei pressi del Medical Center della capitale. Nella sparatoria sono rimasti uccisi anche gli otto uomini della sua scorta. Il commando – scrive Libya Herald – non e’ stato identificato. Nessuno di loro e’ rimasto ucciso nell’agguato e testimoni riferiscono di uomini addestrati al meglio. Il presidente del Parlamento ‘parallelo’ di Tripoli, Nouri Abu Sahmain, ha accusato le forze speciali italiane di essere dietro all’uccisione di Salah al-Mashkout. La notizia e’ resa nota dal quotidiano britannico ‘The Guardian’. Nel dare la notizia il quotidiano ‘Libya Herald’ aveva precisato che non sarebbero stati identificati i componenti del commando autore dell’attacco letale, nel quale hanno perso la vita anche gli otto uomini della scorta di Mashkout, un ex ufficiale dell’Esercito sotto il regime di Muammar Gheddafi. Stando al ‘The Guardian’, gli assalitori erano armati di pistole e sarebbero stati perfettamente addestrati. Sahmain e’ legato al governo rivale rispetto a quello internazionalmente riconosciuto, che ha sede a Tobruk. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.