TwitterFacebookGoogle+

Ucciso in Bangladesh responsabile strage di italiani a Dacca

Dacca – E’ stato ucciso dalla polizia un leader estremista islamico considerato uno dei responsabili dell’attentato dello scorso luglio a un caffe’ di Dacca, in cui furono trucidati 9 italiani. Lo ha riferito la polizia. “Durante un raid a Dacca, nel sobborgo di Azimpur, i militanti hanno sparato contro le nostre forze e uno di essi e’ rimasto ucciso nello scontro a fuoco, mentre tre donne sono rimaste ferite e sono poi state arrestate”, ha spiegato il vicecommissario di polizia Mohammad Ibrahim.

Un funzionario dell’antiterrorismo, Sanwar Hossain, ha riferito che il leader estremista ucciso e’ Abdul Karim, 35 anni, il vice di Tamim Chowdhury, leader del gruppo estremista islamico Jamayetul Mujahideen Bangladesh (JMB),considerato responsabile della strage nel caffe’. Chowdhury, canadese di origini cingalesi, era rimasto ucciso ad agosto durante uno scontro a fuoco con la polizia. Il funzionario ha aggiunto che Karim fu uno dei registi dell’attentato al caffe’ Gulshan, in cui, oltre ai 9 italiani, furono uccise altre 13 persone. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.