TwitterFacebookGoogle+

Ucraino ucciso per rapina, confessano i due giovani fermati

(AGI) – Napoli, 5 set. – Svolta decisiva nelle indagini sull’omicidio di Anatolij Korol, l’operaio ucraino 38enne ucciso la settimana scorsa nel tentativo di sventare una rapina a Castello di Cisterna, in provincia di Napoli.

“Siamo stati noi”, hanno confessato agli inquirenti Marco Di Lorenzo e Gianluca Ianuale, i due giovani, entrambi maggiorenni, fermati stamane dai carabinieri a Scalea, nel Cosentino: sono fratellastri, figli di madri diverse ma dello stesso padre, considerato il boss del clan egemone della zona.

Il tragico episodio risale alla sera del 29 agosto scorso, un sabato, quando Korol, fatta la spesa nel supermercato “Piccolo” di via Selva, vede entrare nel negozio due persone con i volti coperti dal casco: messa al sicuro la figlioletta di due anni, rientra nell’esercizio, sorprende i due rapinatori in azione e ne blocca uno ma viene ferito mortalmente da un colpo esploso dalla pistola dell’altro.

Le indagini scattano immediate, incentrate sulle testimonianze dei presenti e sulle immagini del circuito di videosorveglianza, e nel giro di una settimana il cerchio si stringe intorno ai responsabili: stamattina prima filtra la notizia di una serie di perquisizioni in via Leopardi, nel rione Cisternina, complesso di edilizia popolare di Castello di Cisterna – dove, nella tromba di un ascensore condominiale, vengono trovati un fucile mitragliatore, una pistola calibro 7.65, munizioni e tre bilancini di precisione – poi quella del fermo di due sospetti.

Di Lorenzo e Ianuale, formalmente indagati per concorso in rapina aggravata e omicidio volontario, vengono interrogati nella caserma dei carabinieri di Castello di Cisterna dal procuratore capo di Nola, Paolo Mancuso: “stanno collaborando con le forze dell’ordine”, rivela ai cronisti il loro legale, Michele Sanseverino. Poche ore piu’ tardi, la confessione e l’arresto. Per Korol, la cui salma e’ stata riportata in Ucraina per il funerale, nei giorni scorsi l’Associazione nazionale dei funzionari di polizia e alcuni parlamentari avevano proposto la concessione di una medaglia d’oro al valore civile. Ma all’indomani dell’omicidio, Roberto Saviano, in un post su facebook, aveva parlato polemicamente di un eroe discriminato: “se l’ucraino fosse stato il rapinatore, oggi su questo caso avremmo avuto molta piu’ attenzione, raccolte di firme, cortei”. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.