TwitterFacebookGoogle+

Ucraino ucciso per sventare la rapina: 2 persone fermate

(AGI) – Napoli, 5 set. – Due persone fermate e in caserma a Castello di Cisterna nell’ambito delle indagini per la morte di Anatoliy Karol, il 38enne ucraino ucciso qualche giorno fa mentre tentava di difendera la cassiera di un supermercato dai rapinatori a Castello di Cisterna, nel Napoletano. Secondo quanto si e’ appreso, i due hanno legami con un clan della cittadina, e probabilmente uno dei due ha anche uno stretto rapporto di parentela con un boss. Da indiscrezioni, sembrerebbe che i due siano stati individuati a Scalea, in una localita’ di vacanza. I carabinieri hanno fatto una serie di perquisizioni in via Leopardi nel rione Cisternina (complesso di edilizia popolare di Castello di Cisterna), trovando nella tromba di un ascensore condominiale un fucile mitragliatore, una pistola calibro 7.65, munizioni e tre bilancini di precisione. Le armi perfettamente oliate e pronte all’uso sono state repertate e saranno inviate al Ris dell’Arma per gli accertamenti balistici. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.