TwitterFacebookGoogle+

Ue all'Italia, misure credibili entro 15 aprile

Bruxelles – La Commissione europea dà tempo all’Italia fino al 15 aprile per presentare misure “credibili” per il rispetto degli obiettivi aggiustamento dei conti pubblici di medio termine. E’ quanto si legge nella lettera spedita oggi a Roma dall’esecutivo comunitario. Secondo Bruxelles per il nostro Paese “c’è spazio per ulteriori progressi” nell’attuazione delle riforme strutturali e per rispondere alle sfide che “permangono” in settori quali la revisione della spesa, la tassazione e la lotta alla corruzione. Per questo motivo “al più tardi” entro il 15 aprile all’Italia vengono richieste le “misure necessarie” a rispondere ai dubbi della Commissione europea in anche in relazione al debito pubblico, ritenuto troppo alto, e per il quale la Commissione europea potrebbe essere costretta a redigere un rapporto qualora nelle previsioni Eurostat di aprile fossero confermati i livelli del 132,6% in rapporto al Pil.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.