TwitterFacebookGoogle+

Ue boccia l'austerity e salva manovra Italia

Roma – Non una bocciatura, ma nemmeno una promozione. La Commissione Ue sospenderà il giudizio sulla manovra dell’Italia dando il tempo al governo di affrontare il Referendum e di occuparsi nei primi mesi del 2017 di tutte le questioni legate al debito e al deficit. Lo rivela ‘Repubblica’, secondo cui è pronto il via libera europeo alla Legge di Bilancio nonostante le polemiche delle ultime settimane tra Juncker e Renzi. Non solo: secondo il quotidiano la Commissione pubblicherà una comunicazione di diciotto pagine con la quale se non decreta la fine dell’austerity, quanto meno ne chiede una moratoria per il biennio 2017-2018 e attacca le scelte economiche del governo Merkel.

Per quanto riguarda l’Italia, la finanziaria di Renzi non viene bocciata e per ora non ci sono richieste esplicite di manovre aggiuntive, ma l’indicazione del rischio che il bilancio non rispetti le regole europee. Per questo il giudizio finale è rimandato a inizio 2017 e nel frattempo si chiedono ulteriori chiarimenti sulle coperture e saranno verificate ancora più a fondo le spese per migranti e terremoto che l’Italia chiede di non contare nel deficit. (AGI)
 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.