TwitterFacebookGoogle+

Un curriculum di 18 pagine e un cuore a sinistra. Ritratto di Giuseppe Conte

Avvocato civilista, docente di diritto privato, la carriera di Giuseppe Conte parla più il linguaggio accademico che non quello della politica. Il presidente del Consiglio indicato da Luigi Di Maio è nato a Volturara Appula, in provincia di Foggia, ma vive e risiede a Roma.

Un curriculum di 18 pagine

Conte è professore ordinario di diritto privato all’università di Firenze. È stato componente del consiglio di presidenza della Giustizia Amministrativa e avvocato cassazionista del foro di Roma. Dal 2013 è componente del Consiglio di presidenza della Giustizia Amministrativa, scelto dal Parlamento. In occasione della sua candidatura per quell’incarico presentò un curriculum di 18 pagine, la maggior parte delle quali dedicate ai suoi studi e agli incarichi in atenei tra i più importanti del mondo, come Yale e la Sorbona. Si laurea in Giurisprudenza del 1988, compie gli studi di perfezionamento a Yale e alla New York University e le docenze di Diritto Privato all’Università di Firenze e all’Università Luiss di Roma.

“Né militante, né simpatizzante”

Se si eccettua il suo incarico come presidente della commissione disciplinare che ha coordinato l’istruttoria a carico del consigliere di Stato Bellomo, accusato di comportamenti inappropriati con le allieve dei corsi di preparazione alla magistratura, di Conte non si era parlato molto fino a poche settimane fa, quando il Movimento 5 Stelle ne aveva indicato il nome nella squadra di governo come ministro della Pubblica Amministrazione. Succedeva prima delle elezioni, e prima dell’alleanza con la Lega, e all’iniziativa pubblica con la quale Di Maio presentò la squadra di governo, Conte fu pubblicamente elogiato dal capo politico del M5s per il suo impegno per la de-burocratizzazione dell’amministrazione pubblica e lui stesso – parlando dei suoi obiettivi da futuro ministro – fece riferimento alla “semplificazione della pubblica amministrazione” e alla “cultura della legalità” da promuovere e valorizzare tra gli italiani. Lui, dal palco, sottolineò di non poter essere considerato né un militante né un simpatizzante del Movimento 5 Stelle. Ma, in una intervista a DiMartedì, ha detto che il suo cuore “tradizionalmente è battuto a sinistra”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.