TwitterFacebookGoogle+

Un Dio pagano rappresentato in tutto il mondo riscrive la storia

Richard Cassaro nel suo libro di recente pubblicazione Written In Stone, ci mostra come le prime culture del mondo misteriosamente condividevano la stessa icona religiosa.

Dagli Egizi agli Assiri, dai pre-Incas agli europei, l’icona è onnipresente. E’ il simbolo perduto di un dimenticata religione dell’Età dell’oro che fiorì a livello mondiale nel remoto passato?

Per diversi decenni, gli studiosi mainstream hanno insistito sul fatto che le prime civiltà del mondo sorsero separatamente e indipendentemente.

Questo studio getta seri dubbi sulla loro teoria, mostrando come le antiche culture di tutto il mondo sembrano aver seguito lo stesso sistema spirituale globale o religione universale. La stessa icona centrale sembra essere presente in moltissimi siti archeologici e altrettanti manufatti.

a Richard Cassaro

 

L’icona trovata nelle rovine di tutto il mondo

Qui sotto una serie di foto esplicative della teoria di Cassaro:

fig.1

fig.2fig.3fig.4fig.5fig.6fig.7fig.8fig.9

Questa stessa icona religiosa esiste tra le rovine di tute le più antiche culture del mondo, questo sorprendente parallelo sconosciuto e privo di documentazione da parte del mondo accademico! Con entrambe le braccia tese in direzioni opposte (destra e sinistra) un unico dio o una dea tiene “oggetti gemelli” in ogni mano, in modo simmetrico.

Questi oggetti sono di solito animali, spesso serpenti, ma a volte vegetali o bastoni magici. L’opera è quasi sempre perfettamente simmetrica, proprio come posa dell’icona. Se le culture antiche si sono evolute separatamente, come gli studiosi ci dicono, allora perché questa stessa icona religiosa è presente in tutto il mondo?

Sembrerebbe che le antiche culture di tutto il mondo siano state “unite” nelle loro credenze spirituali, molto probabilmente come risultato di un “patrimonio culturale comune” derivante dalla preistoria. Ma “uniti” come? Un “patrimonio culturale comune” come? C’è stata una Età dell’oro dell’umanità nel nostro passato remoto, come i greci, gli indù e altri hanno sostenuto? Una sorta di Era della “Torre di Babele”, quando il mondo forse parlava una sola lingua? Questa icona, insieme con la saggezza spirituale, fu “ereditata” da questa Età dell’oro?

“Signore degli animali” e “Dio dei bastoni”.

È interessante notare che l’icona è stata parzialmente riconosciuta simile dagli studiosi di culture del Vecchio Mondo e culture del Nuovo Mondo.

Vecchio Mondo

Tra gli studiosi delle culture del Vecchio Mondo l’icona si chiama:

Signore degli animali
Mastro degli animali
Signora delle bestie
Padrona degli animali
Signora degli animali selaggi
Potnia Theron

“Il Signore degli Animali (noto anche come Master of Animals) è un termine generico per una serie di divinità provenienti da una varietà di culture … Queste a volte hanno equivalenti femminili, la cosiddetta Signora degli Animali.” (Wikipedia)

b

Nuovo Mondo

Tra gli studiosi delle culture del Nuovo Mondo l’icona si chiama:

Dio del bastone

“Il Dio del bastone è una delle principali divinità nelle culture andine. Di solito raffigurato in possesso di un bastone in ogni mano … le sue altre caratteristiche sono sconosciute, anche se egli è spesso raffigurato con serpenti sul suo copricapo o sui vestiti. La più antica rappresentazione conosciuta di questo Dio è stata trovata su alcuni frammenti in un luogo di sepoltura nella valle del fiume Pativilca … e datati al carbonio al 2250 a.C. Questo la rende la più antica immagine di un dio trovata nelle Americhe.” (Wikipedia)

c

Nonostante abbiano riconosciuto l’icona nelle loro rispettive discipline, gli studiosi del Vecchio e Nuovo Mondo non sono riusciti:

(A) a riconoscere la presenza dell’icona in tutto il mondo;

(B) a capire il senso di questa presenza in tutto il mondo;

(C) a collegare i punti (a) e (b) e e riconoscere che l’icona è IL SIMBOLO PERDUTO UN CAPO DI ANTICA RELIGIONE UNIVERSALE una volta conosciuta in tutto il mondo.

Proprio come il semplice crocifisso esprime una dottrina metafisica completa che esprime temi complessi come “sacrificio”, “vita”, “morte” e “resurrezione”, allo stesso modo questo Dio che stringe in mano animali o bastoni codifica una sola dottrina metafisica multiforme o religione universale.

Secondo Cassaro: “Questa religione si riferisce a verità spirituali e permanenti su chi siamo, da dove veniamo, perché siamo qui e dove stiamo andando, come vedremo tra un attimo”.

Per ora, diamo un’occhiata a come l’icona appare misteriosamente in una serie di manoscritti esoterici e alchemici pubblicati e tranquillamente circolati nel corso degli ultimi secoli.

L’icona nei manoscritti esoterici e alchemici

Molti di questi manoscritti sono stati pubblicati durante il Rinascimento europeo. I creatori di questi manoscritti sicuramente hanno capito il significato storico di questa icona ma non è chiaro come esattamente. È chiaro, tuttavia, che stavano cercando di preservare l’antico significato dell’icona per i posteri. Si noti come l’icona sia sempre raffigurata in possesso di oggetti singoli, seguendo l’antico archetipo. Questi oggetti gemelli sono molto spesso associati con il sole (a destra) e la luna (a sinistra).

Questo è l’indizio più importante di tutti e rivela l’antico significato universale di questa immagine:

d

e

f

g

Christian Androgynes (alchemico), XVII e XVIII secolo.  Qui, l'icona ha due teste, un maschio, una femmina.  sole nella mano destra, la luna nella mano sinistra.

i

Quest’ultima raffigurazione è interessante.

Chiamato “Rebis”, questa figura mitologica è stata descritta nei testi alchemici nel corso degli ultimi secoli. La mano destra Rebis è associato con il sole e la mano sinistra con la luna. Il Rebis tiene inoltre uno compasso nella mano destra bilanciato da una squadra tenuta nella mano sinistra. Questo è importante. Quando combinati, la bussola e la squadra formano il simbolo della Massoneria:

l

Il compasso, dato che disegna un cerchio o un simbolo spirituale , indica la nostra natura “spirituale”, come esseri umani. Allo stesso modo, la squadra, dato che disegna un quadrato o un simbolo materiale, indica la nostra natura “materiale”.

Questa figura che tiene contemporaneamente il compasso e la squadra ci ricorda che come uomini non siamo solo materiali (corpo) ma anche spirituali (anima); siamo in parte umani e in parte divini.

Il simbolo della stella a sei punte direttamente sopra il capo dei Rebis è un simbolo dell’integrazione di queste forze opposte (sole e la luna), e il loro equilibrio nel Rebis. Si tratta di un’istruzione che ci insegna a integrare le nostre forze opposte al fine di trascendere il corpo e scoprire il Sé eterno divino dentro e sopra.

m

Il Rebis è un simbolo del Sé spirituale superiore, il “dio Sé,” dentro ognuno di noi, in quanto è una rivelazione per noi circa la nostra eterna natura divina.

Questa eterna natura divina non è immediatamente evidente data la limitazione dei nostri cinque sensi (vedere, toccare, sentire, il gusto, olfatto).

Quindi, il messaggio dei Rebis è un messaggio che abbiamo bisogno di sentire, perché è una spiegazione di chi siamo veramente dentro.

È possibile che questa concezione fosse conosciuta in tutto il mondo antico, simboleggiata da queste figure e sia stata una religione universale condiviso a livello globale?

tycho1x4x9.blogspot.it

http://www.altrogiornale.org/dio-pagano-rappresentato-in-tutto-il-mondo-riscrive-la-storia/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.