TwitterFacebookGoogle+

“Un disastro”. Lo choc nell’ex Toscana rossa. E tra un anno si vota in Regione e a Firenze

Articolo di Davide Vecchi (Fatto 26.6.18) “Tre a zero – Cadono Siena, Pisa e Massa: tutti e tre i capoluoghi vanno verso destra”

“”Un disastro. È lapidario Enrico Rossi sull’esito dei ballottaggi per il Pd. Lui guida la Regione Toscana, quella un tempo rossa e oggi un po’ di tutti. E tra un anno qui si vota per le regionali e per il Comune di Firenze, dove il sindaco Dario Nardella, difficilmente potrà tentare la riconferma e infatti scalpita per avere un posto in lista alle prossime Europee. “Ce la giocheremo ma è un disastro”, dice Rossi. Ieri son caduti feudi pesanti: Siena, Pisa, Massa. In tutti i tre ballottaggi i candidati di centrosinistra sono usciti sconfitti. E il bilancio finale di questa tornata amministrativa vede i dem alla guida di appena 3 su 11 capoluoghi. Il risultato della città del Palio è forse il più sorprendente. Qui dove il Pci e i suoi eredi non hanno mai perso nella storia repubblicana, oggi diventa sindaco un uomo che non solo è sempre stato distante anni luce dalla sinistra ma dalla politica in genere: l’avvocato Luigi De Mossi che con uno scarto di appena 400 voti ha sconfitto il primo cittadino uscente, Bruno Valentini, espressione stanca di un Pd inesistente.
De Mossi ha corso con una lista civica e ha fatto campagna elettorale senza mai lasciare la toga e soprattutto senza legarsi o affidarsi ad alcun partito politico. Fino al 4 marzo. Quando si sono definiti gli schieramenti. La sconfitta delle urne ha spinto Matteo Renzi ad accettare (per mancanza di alternative) Valentini come proprio candidato, così il centrodestra ha deciso di appoggiare De Mossi. Al primo turno Valentini è uscito in vantaggio e pochi avrebbero scommesso su una sua sconfitta. Poi, nelle ultime due settimane, è successo l’incredibile.
Il sindaco uscente ha stretto un accordo con un altro candidato sconfitto da De Mossi e soprattutto già primo cittadino di Siena fino al 2001, negli anni d’oro di Mps: Pierluigi Piccini. L’accoppiata non è piaciuta. E soprattutto non è piaciuto il tentativo fatto dal duo di far passare De Mossi come amico di Giuseppe Mussari, indicato come responsabile principale del disastro del Monte dei Paschi, seppur finora assolto nei procedimenti giudiziari: ne manca solamente uno, a Milano. Alle accuse De Mossi ha potuto rispondere limitandosi a una risata: da oltre venti anni, infatti, è uno dei pochi avvocati della città a cui chi ha avuto problemi con la banca poteva rivolgersi.
E poi bastava guardare l’accoppiata sinistra: Piccini nel 2001, lasciato il Comune, è stato nominato a capo di Mps Francia, incarico dorato che ha ricoperto fino al 2015; mentre Valentini è stato eletto nel 2013 e, a dire di Matteo Renzi, gli inviò un sms per chiedergli come procedere per le nomine in Fondazione. Certo è che, archiviato il centrosinistra, ora Siena è nelle mani del centrodestra. De Mossi garantisce di no, che non si lascerà imporre gli uomini, e sottolinea la scelta di “non aver fatto apparentamenti così da poter dialogare con tutti”, ma è indubbio che l’oggi ministro dell’Interno e segretario della Lega, Matteo Salvini, ha dato un contributo importante alla sua vittoria quindi la presenza del Carroccio ci sarà e sarà massiccia.
A Pisa, invece, a vincere è stato un uomo espressione del centrodestra: Michele Conti che ha battuto col 52,29% il candidato di centrosinistra, Andrea Serfogli, fermo al 47,7%. Ed è lo stesso Conti a rivendicare la sua appartenenza: “Non è la vittoria della Lega ma di tutto il centrodestra. Salvini ci ha dato una mano, ma è la vittoria di tante persone che in questi anni hanno sfidato il granitico Pd”.
Anche a Massa si festeggia e colpisce più la sconfitta del Pd che la compagine dei vincitori. Qui alla guida del Comune arriva Francesco Persiani che espugna il municipio conquistando il 56,62% delle preferenze lasciando il sindaco uscente del Pd, Alessandro Volpi, al 43,38%. Gli occhi ora sono puntati alle prossime regionali e a Palazzo Vecchio.””

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.