TwitterFacebookGoogle+

Un episodio significativo riferito da Eusebio di Cesarea. 294

Eusebio di Cesarea riferisce un episodio riguardante l’imperatore Massimino Trace (235-238), che serve ad illuminarci a proposito del clima di tensione creato dai cristiani. Questo imperatore, preoccupato per il diffondersi della nuova religione che riteneva nociva all’Impero, fece stampare e diffondere le memorie di Pilato (Acta Pilati), integralmente tratte dagli archivi imperiali, al fine di rendere evidente a tutti la pericolosità politica e sociale dei cristiani.
Pur essendone state create molte copie, distribuite anche alle scuole affinché gli studenti le conoscessero, di queste memorie di Pilato oggi non esiste traccia. Qualcuno, e non è difficile capire chi, ha provveduto a farle sparire perché forse davano una versione totalmente diversa della condanna di Gesù, rispetto a quella tramandataci dai nostri Vangeli. Probabilmente negavano tout court la crocifissione di Gesù o lo presentavano come un pericoloso zelota crocifisso per insurrezione.
Nessuno dei ben noti polemisti cristiani dell’epoca, sempre pronti a rintuzzare i pagani, osò contestarle nel merito. Ma se il rapporto di Pilato fosse stato utile al cristianesimo, magari collimando coi racconti evangelici della Passione, quanto lo avrebbe strombazzato la Chiesa, una volta raggiunto il potere, per documentare la reale esistenza di Gesù e il suo martirio.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.