TwitterFacebookGoogle+

Un Grande Fratello alla Casa Bianca? Boom di vendite per 1984 di Orwell

“La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza”: gli slogan del Grande Fratello di George Orwell in 1984 stanno vivendo una nuova fase di popolarità tra gli americani, alle prese con l’avvio della nuova amministrazione di Donald Trump. La casa editrice Penguin ha ordinato la ristampa di 75mila copie del romanzo distopico dello scrittore britannico, salito al primo posto nella classifica dei libri più venduti su Amazon.

La stampa americana ha messo in relazione questo improvviso interesse per 1984 con la nuova dottrina dei “fatti alternativi” presentata dal consigliere di Trump, Kelly Conway, all’indomani dell’insediamento. Commentando il numero dei partecipanti alla cerimonia e il tentativo del portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, di convincere i media che fosse stato l’evento più seguito di sempre, a fronte di immagini che raccontano un’altra storia, la Conway ha ribattuto: “Voi dite che è una menzogna, Spicer ha dato fatti alternativi”.

Lo staff di Trump rivendica la possibilità di raccontare fatti alternativi

Un chiaro commento “orwelliano” secondo alcuni esperti intervenuti nel dibattito, che hanno richiamato alla memoria la “neolingua” usata dal regime in 1984 per controllare i cittadini, spesso invertendo il significato delle parole. 

Se Orwell fosse vivo, Trump gli farebbe orrore

Per la Penguin si tratta di “una ristampa più consistente del solito”, pur considerando che l’inizio del semestre scolastico porta sempre a un aumento delle vendite, ma non di questa portata. Anche Nielsen BookScan, che monitora la vendita della maggior parte dei libri negli Stati Uniti, ha registrato un aumento, con 47mila copie acquistate dalle elezioni di novembre, rispetto alle 36mila dello scorso anno nello stesso periodo. 

“Se Orwell fosse ancora vivo oggi, Trump lo avrebbe divertito e inorridito allo stesso tempo”, ha commentato sul Guardian Tim Crook, esperto dello scrittore britannico. Con l’arrivo del nuovo inquilino della Casa Bianca, ha sottolineato, c’è stata “un’esplosione propagandistica”, con Trump che ha portato “il tutto e il contrario di tutto a un nuovo estremo”. “Il messaggio centrale in 1984 – ha spiegato – è che l’obiettivo della propaganda è di restringere e limitare la consapevolezza umana, confondere la coscienza e controllare e ridurre la capacità di pensiero”. 

Non è la prima volta che il romanzo di Orwell assiste a un picco di vendite: già nel 2013, all’epoca dello scandalo dell’attività spionistica della Nsa svelata da Edward Snowden, c’era stata un’impennata di acquisti su Amazon.

Per approfondire:

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.