TwitterFacebookGoogle+

Un legame fra batteri e malattie autoimmuni

Un legame fra batteri e malattie autoimmuniAlcune malattie autoimmuni possono essere scatenate da un batterio raro che riesce a superare la barriera intestinale e raggiungere fegato, milza e linfonodi, dove innesca una reazione del sistema immunitario diretta contro l’organismo(red)

Un batterio intestinale può innescare una risposta del sistema immunitario in grado di causare o aggravare malattie come il lupus eritematoso sistemico o patologie epatiche autoimmuni. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori della Yale School of Medicine a New Haven, che firma un articolo pubblicato su “Science”. Il lupus eritematoso sistemico è una malattia multifattoriale, al cui insorgere concorrono cioè svariati fattori, ma l’azione del batterio Enterococcus gallinarum, un enterococco molto raro, può rappresentare il fattore scatenante di questa patologia.
Batteri E. gallinarum (arancione) nel fegato di un topo colpito da malattia autoimmune. (Cortesia Manfredo Vieira et al., Science, 2018)
Studi precedenti avevano suggerito la possibile esistenza di una correlazione fra microbiota intestinale (ossia le popolazioni batteriche che vivono nell’intestino) e diverse malattie autoimmuni, dovute cioè a una reazione del sistema immunitario diretta verso l’organismo. Studiando questo legame, Martin A. Kriegel e colleghi hanno scoperto che E. gallinarum era spesso identificato nella flora intestinale di pazienti con lupus. Successivi approfondimenti hanno mostrato che in questi pazienti E.gallinarum si trovava anche nel fegato.

In esperimenti su topi, i ricercatori hanno scoperto che questi batteri sono in grado di superare la barriera dell’intestino tenue, formata da catene di enterociti (le cellule caratteristiche dei tessuti intestinali), i cui interstizi sono bloccati da complessi proteici chiamati giunzioni. Superata la barriera, E.gallinarum raggiunge facilmente il fegato e altri organi, in particolare milza e linfonodi; in questo modo il batterio scatena un processo infiammatorio durante cui sono secreti messaggeri chimici uguali a quelli che si osservano nei soggetti con lupus, che inducono la proliferazione di autoanticorpi (anticorpi cioè che attaccano anche cellule dell’organismo). L’introduzione artificiale di altri tipi di batteri in quegli stessi organi non induce invece una reazione immunitaria di questo tipo.

Un legame fra batteri e malattie autoimmuni
Schema del meccanismo che scatena la patolgia autoimmune e possibili interventi terapeutici.(Cortesia Martin Kriegel)

Grazie a ulteriori esperimenti, Kriegel e colleghi hanno poi scoperto che nei topi la reazione autoimmune può essere soppressa con la somministrazione di un antibiotico a cui E. gallinarum è sensibile o con un vaccino contro quel batterio: “Quando abbiamo bloccato la via biochimica che portava all’infiammazione, abbiamo potuto invertire l’effetto di questo parassita sul sistema immunitario”, ha detto Kriegel.

Ora i ricercatori intendono approfondire i meccanismi d’azione di E. gallinarum, e di capire in che modo il batterio riesce a superare la barriera intestinale più facilmente di altri microrganismi, anche se vi sono indizi che sfrutti qualche preesistente debolezza delle giunzioni.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.