TwitterFacebookGoogle+

Un pitone di 7 metri ha ingoiato una donna di 54 anni

Era andata a controllare la sua piantagione ed è finita mangiata intera da un pitone di 7 metri. E’ successo in Indonesia centrale, in un villaggio dell’isola di Muna (Sulawesi sudorientale), dove è morta così Wa Tiba, 54 anni, madre di 2 figli. A trovare il corpo venerdì scorso un gruppo di ricerca che ha scoperto il pitone reticolato (tra i serpenti più grandi al mondo), con la pancia gonfia, a circa 50 metri dalla coltivazione della famiglia di Tiba, dove erano stati trovati alcuni oggetti appartenenti alla vittima.”Quando hanno aperto la pancia del serpente, hanno trovato il corpo di Tiba ancora intatto con tutti i suoi vestiti – ha detto il capo del villaggio – è stata inghiottita prima dalla sua testa”. Lo riferisce il sito americano Aol, che pubblica un video che circola su Twitter con le immagini del recupero del corpo della donna. 

La scomparsa

Della donna si erano perse le tracce giovedì intorno alle 18, quando, secondo la ricostruzione del Capo della polizia di Muna, riportata dal del Jakarta Post, la casalinga era andata a ispezionare la sua piantagione di mais a circa 1 km di distanza da casa sua. I cinghiali distruggono le coltivazioni, per questo Wa Tiba aveva l’abitudine di controllare di continuo la piantagione, ha riferito la famiglia alle autorità. Ma quando, alle 6 del mattino successivo, la sorella non l’ha vista rientrare in casa, ha iniziato a preoccuparsi e a cercarla nei pressi della coltivazione, dove sono state trovate in terra le sue impronte, una torcia, le pantofole e un machete. La donna ha subito chiesto aiuto alla gente del posto. 

La macabra scoperta
 

Intorno alle 9.30, la scoperta: il ritrovamento del pitone con la pancia gonfia. Il sospetto che potesse aver inghiottito la cinquantenne è stato confermato quando “gli abitanti hanno portato il pitone nel villaggio, l’hanno ucciso e sezionato, trovando il corpo della donna intatto all’interno” ha detto il capo della polizia locale, come riportato da Detik.com.

Con gli stivali
 

Per uccidere la preda, i pitoni reticolati si avvolgono attorno a un animale e lo schiacciano, causandone la morte per soffocamento o arresto cardiaco. Non masticano il cibo, lo ingeriscono per intero, grazie anche a mascelle con legamenti molto flessibili. E’ una specie di serpente molto comune in Indonesia e in altre parti del Sud-Est asiatico, si nutre di piccoli animali (topi perlopiù) ed è raro che l’animale attacchi gli umani.

Nel marzo 2017, un uomo di 25 anni, che stava lavorando alla piantagione di olio di palma della sua famiglia, è stato trovato morto all’interno della pancia di un pitone di 7 metri. Si chiamava Akbar, era scomparso da qualche giorno, e anche in questo caso gli agenti di polizia hanno riferito di aver trovato un enorme serpente con la pancia piena. “Quando il serpente è stato catturato e aperto, gli stivali che indossava Akbar erano chiaramente visibili nello stomaco del serpente” ha raccontato il capo del villaggio Salubiro Junaidi al Jakarta Post.

 
 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.