TwitterFacebookGoogle+

Una Brex-hit, la canzone di Cameron appassiona gli inglesi 

Londra – Nella GranBretagna politica terremotata dalla Brexit, c’è ancora spazio per sorridere. Lunedì pomeriggio David Cameron ha annunciato le dimissioni per far posto alla successione di Theresa May, spiegando che “avremo un nuovo primo ministro in quell’edificio dietro di me entro mercoledì pomeriggio”. Poi, rientrando nel suo ufficio di Downing Stret si è dimenticato di avere il microfono ancora acceso e ha canticchiato un motivetto, intercalato con le parole “Doo, doo, doo”, e poi “right”, giusto. La misteriosa canzoncina ha evidenziato quanto fosse sollevato Cameron di lasciare la guida del governo, ma ha anche aperto un piccolo dibattito nazionale semiserio. Ad alcuni quelle poche note hanno ricordato la colonna sonora del serial tv ”The West Wing” ambientato alla Casa Bianca, ad altri la colonna sonora di “Winnie the Pooh” o del “Libro della giungla” o della colonna sonora del film “La grande fuga”. Altri o hanno chiamato semplicemente “Cameron’s Theme” o “Cameron’s lament” o ancora la “grande fuga” con Steve Mc.Queen. (AGI) 
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.