TwitterFacebookGoogle+

Unde malum? La risposta illusoria di Vito Mancuso

Peccato originaleVito Mancuso, nel suo libro “Il principio Passione”, scrive: “Il Catechismo… insegna che Dio si serve del male permettendone l’esistenza per operare il bene, sennonché nella parte morale lo stesso testo scrive per ben tre volte che «non è lecito compiere un male perché ne derivi un bene», specificando che «il fine non giustifica i mezzi». Ne viene un’incoerenza imbarazzante, perché il Catechismo attribuisce alla divinità esattamente la stessa logica condannata negli articoli sulla morale…

In realtà l’origine del male non è da collocarsi né nella necessità divina né nel peccato dell’uomo…

La causa del male, a livello sia fisico sia morale, è il caos inerente all’essere originario, posto così dal Creatore quale unica condizione per il darsi della libertà. Il male appare come il lato oscuro del bene e dell’amore, la condizione inevitabile perché nel mondo nascesse la mente libera”. Il fine nobilissimo quindi della creazione è la “mente libera”; il mezzo è il “caos originario” e il male che ne consegue. Ma «il fine non giustifica i mezzi»!  Dio per creare la “mente libera” avrebbe condannato alla sofferenza un’infinità di creature innocenti. Oppure creando non sapeva quel che faceva?

Fingiamo che un pasticciere sia la “Realtà primaria, detta tradizionalmente Dio” e che le magnifiche torte che crea siano la “mente libera” (le parole tra virgolette sono di Mancuso).  Il pasticciere mette nell’impastatrice e poi nel forno il “caos”, vale a dire farina, acqua, burro, lievito e uva passa e pinoli, che immaginiamo abbia creato lui dal nulla. E fingiamo che uva passa e pinoli abbiano sensibilità e che soffrano da matti sbatacchiati nell’impastatrice e cotti al calore tremendo del forno.

Non per volere preciso del pasticciere, ma per caso molti pinoli e molti chicchi d’uva passa finiranno sulla superficie delle torte o sul fondo della teglia e a loro, sempre per caso, sarà riservata una sofferenza maggiore e morte prematura. Ora, se il pasticciere (Realtà primaria) sa a quale sorte condanna esseri innocenti, e le torte le crea ugualmente, direi che è un uomo crudele, se sa solo che vuole creare torte (menti libere) e non sa a quali sofferenze condanna esseri innocenti, direi che è un uomo poco previdente; se si accorge della sofferenza atroce di pinoli e uva passa solo nel momento in cui soffrono e non fa nulla per porvi rimedio, pure direi che è un uomo crudele, e se gli fanno pena e soffre con loro, direi: chi è causa del suo mal (nonché del male altrui), pianga se stesso.

Renato Pierri

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.