TwitterFacebookGoogle+

Ungheria: premier propone ripresa pena capitale, critiche Ue

(AGI) – Budapest, 29 apr. – Nuova sparata del premier nazionalista ungherese, Viktor Orban, che ha avanzato la possibilita’ di reintrodurre nel Paese la pena capitale, provocando l’immediata reazione dell’Ue. La questione e’ tornata a essere materiale di dibattito politico interno dopo che l’assassinio di un giovane tabaccaio nel sud dell’Ungheria ha suscitato rabbia e polemiche nel Paese orientale. Abolita nel 1990, la pena capitale e’ contraria alle regole comunitarie. Tuttavia, ha sottolineato Antal Rogan, leader del partito Fidesz in Parlamento, “anche in un Paese membro dell’Ue, se l’opinione pubblica vuole avere la condanna a morte, allora un dibattito potrebbe essere sollevato a livello europeo”. Non la pensano cosi’ a Bruxelles: qualsiasi ritorno alla pena capitale e’ “una barbarie e una violazione del diritto europeo”, ha affermato il deputato austriaco Joerg Leichtfried, mentre il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, ha fatto sapere di aver chiesto un colloquio telefonico con Orban. Il premier ungherese, sotto pressione da parte dell’estrema destra euroscettica del partito Jobbik, non e’ nuovo a simili prese di posizione. Recentemente, di fronte al dramma dei migranti che muoiono a centinaia attraversando il Mediterraneo, aveva suggerito di internare i clandestini in campi di lavoro. .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.