TwitterFacebookGoogle+

Unioni civili, insulti nel Pd. Si tratta sul 'supercanguro'

Roma  – Il clima che si respira nel Pd torna ad essere teso. Certo, il tempo c’è e sarà utilizzato fino all’ultimo minuto utile – le 16.30 di oggi, quando inizierà l’Aula – per cercare una mediazione tra le varie anime del partito.

Una riunione per tentare un’intesa in extremis e sgombrare il campo da emendamenti ‘canguro’ e soppressivi. A richiederla, viene riferito, il capogruppo di Area popolare Renato Schifani. L’invito è stato rivolto al capogruppo del Pd, Luigi Zanda, e a quello della Lega, Gian Marco Centinaio. L’obiettivo, viene ancora spiegato, è di evitare il ricorso a votazioni che strozzino il dibattito. L’intenzione, qualora si raggiungesse l’intesa, è di ritirare tutti gli emendamenti cosiddetti ‘canguro‘, compreso quello a prima firma Marcucci.

Dopo che sarà messo in atto il tentativo dell’ultima mediazione con il Pd e Area popolare, i vari gruppi si riuniranno a ridosso dell’avvio delle votazioni in Aula, convocata per le 16,30. Alle 15 sarà il gruppo di FI, guidato da Paolo Romani, a riunirsi, mentre alle 15.30 sarà la volta della Lega.

Ancora una giornata decisiva, dunque. Ma nel frattempo va in scena un nuovo round di scontri nel Pd sulla ‘stepchild‘, che divide lo stesso campo Dem. E proprio contro l’ala cattolica, che non nasconde la propria ostilità a questa parte del ddl Cirinnà, si fa sentire la voce dell’eurodeputato Pd Daniele Viotti, attivista dei diritti gay. “La dico semplice, ma non mi vengono altre parole: i senatori Di Giorgi, Lepri e i cattodem hanno rotto il cazzo“, scrive su Twitter aggiungendo gli hashtag #buongiorno e #cirinnamoreremo

La dico semplice, ma non mi vengono altre parole: i senatori Di Giorgi, Lepri e i cattodem hanno rotto il cazzo

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.