TwitterFacebookGoogle+

Unioni gay, nella consultazione on line dei cinque stelle stravincono i voti favorevoli

Oltre 25 mila iscritti certificati hanno partecipato alla votazione: i sì 21.360

Ha stravinto il sì alla consultazione indetta a sorpresa on-line dal MoVimento 5 stelle per chiedere agli iscritti se fossero favorevoli o meno all’introduzione nel nostro ordinamento giuridico delle unioni civili fra persone dello stesso sesso.

Oltre 25 mila iscritti certificati (25.268)hanno partecipato alla consultazione: 21.360 hanno votato sì mentre solo in 3.908 hanno votato no. La proposta su cui il MoVimento ha chiesto agli attivisti di esprimersi è il testo base sulle unioni civili di Monica Cirinnà, all’esame in commissione Giustizia. «Un testo sulle unioni e non sul matrimonio – spiega Alberto Airola sul suo profilo Facebook – che in commissione ha seguito un altro iter. In pratica in commissione giustizia sono stati accorpati tutti i disegni di legge sul matrimonio da una parte e lo stesso è stato fatto per le proposte relative alle unioni di fatto. Il voto quindi è per adesso limitato alle questioni delle unioni che dobbiamo affrontare e non è una espressione sulle soluzioni ideali che dovremmo avere in merito».

 

Subito dopo l’esito delle votazioni lo stesso Airola ha commentato: «Ora si apre la strada per un percorso legislativo che porti al riconoscimento di diritti da tempo presenti in Europa e di cui l’Italia, paurosamente in ritardo, aveva bisogno», ha fatto sapere il capogruppo grillino al Senato, Alberto Airola, augurandosi che ora «le divisioni interne alla maggioranza, e allo stesso Pd, non rallentino l’iter legislativo di questo disegno di legge parlamentare». «Il via libera del M5S alle Unioni civili è un fatto importante – hanno fatto sapere i senatori del Pd Laura Cantini e Andrea Marcucci. Sul tema dei diritti si può registrare il primo accordo parlamentare con il movimento di Beppe Grillo».

IL QUESITO MODIFICATO A CONSULTAZIONI IN CORSO

Nel pomeriggio ci sono state polemiche dopo che il quesito era stato cambiato a consultazione in corso. Inizialmente posta in modo da comprendere le adozioni- “Sei favorevole all’introduzione del nostro ordinamento giuridico delle unioni civili tra persone dello stesso sesso (diritti e doveri della coppia equiparati al matrimonio ma con esclusione della possibilità di adottare figli estranei alla coppia)” – la domanda era stata cambiata, e poi sostituita da un link a un post di Facebook esplicativo del capogruppo al Senato Alberto Airola, che spiegava in modo dettagliato le implicazioni della votazione, compreso il fenomeno delle adozioni.

 

«Se credete che sia sacrosanto concedere dei diritti alle coppie di fatto votate sì – scrive Airola su Facebook – se credete che dovremmo avere il matrimonio egualitario vi consiglio di votare sì lo stesso perché questo sarà il primo passo per riconoscere comunque dei diritti alle coppie etero e gay (tenete presente che il testo sulle unioni garantisce molto le coppie al pari del matrimonio, salvo adozioni ex novo per le coppie omosessuali)». E ancora: « Se siete contrari a qualsiasi diritto per le coppie di fatto votate No ma sappiate che in tutta Europa esistono istituti egualitari al matrimonio per coppie omosessuali o comunque il riconoscimento di diritti alle coppie di fatto».

 

LA POSIZIONE SULLE UNIONI GAY DEL M5S

Le consultazioni on line dei cinque stelle seguono le prese di posizione di membri politici del MoVimento in merito alle trascrizioni dei matrimoni all’estero. A Livorno il 7 ottobre scorso c’era stato il primo provvedimento di scrittura dell’unione di una coppia omosessuale sposata all’estero, firmato dal vicesindaco grillino Stella Sorgente. Anche a Fiumicino c’era stato il via libera bipartisan ed unanime nel Consiglio comunale all’istituzione del Registro delle unioni civili. A votare il documento, oltre alla maggioranza di centrosinistra che guida la città a nord di Roma, anche il MoVimento cinque stelle.

 

http://www.lastampa.it/2014/10/28/italia/politica/unioni-gay-nella-consultazione-on-line-dei-cinque-stelle-stravincono-i-voti-favorevoli-A2ps3CZpMlNgct6CxigyUN/pagina.html

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.