TwitterFacebookGoogle+

'United Colors', mostra dei Jakhnagiev per rilanciare Unione europea

Una mostra per rilanciare l’Europa in tempi di crisi. L’iniziativa è stata inaugurata oggi al Parlamento europeo che ha ospitato oltre 50 tele di Ivan Jakhnagiev, uno degli esponenti dell’arte bulgara più conosciuti a livello internazionale, e del figlio Alexander, giornalista e anche lui pittore che da anni vive e lavora a Roma.

Clicca sulla gallery per scorrere le immagini fullscreen con le didascalie

(Ri)scoprire la bellezza dello stare insieme…

“United Colors of Europe” il titolo dell’esposizione che si snoda in quadri coloratissimi, ciascuno con le sue tonalità e sfumature che però, nella tela, riescono a integrarsi ritrovando compattezza e bellezza nel loro stare insieme, così come potrebbe succedere nell’Unione dei Paesi europei. La mostra, che durerà fino al 3 marzo, è stata ospitata dalla capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo, Rosa D’Amato e curata da Pino Purificato.

…e l’importanza dell’integrazione

“Proprio a Roma, quest’anno – dice Alexander Jakhnagiev – si ricorderà la firma del Trattato che ha contribuito a creare l’Unione europea di oggi. In vista di questo appuntamento, penso sia utile ricordare l’importanza dell’integrazione, dello stare insieme, di come i colori più diversi possano unirsi in un quadro più grande e dare immagine alla bellezza. Questo è il senso della mostra che io e mio padre terremo a Bruxelles”.
Alexander Jakhnagiev ha realizzato progetti artistici di grande impatto sociale e mediatico che sono stati ospitati al Festival di Sanremo, a piazza Montecitorio e nel corso della parata per la Festa della Repubblica il 2 giugno a Roma. La mostra è organizzata in collaborazione con l’Agenzia di Stampa VISTA.
 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.