TwitterFacebookGoogle+

Universita': professione criminologo, al via master alla Sapienza

(AGI) – Roma, 31 gen. – Professione criminologo, dal diritto penale alla medicina legale, dal criminal profiling all’investigazione e intelligence. Queste le competenze che saranno insegnate al master in Scienze forensi organizzato dalla Sapienza di Roma, giunto alla tredicesima edizione, che prende il via oggi alla presenza del Magnifico Rettore e delle Autorita’ Accademiche. All’apertura del Master hanno partecipato il Questore di Roma Nicolo’ D’Angelo e l’Amministratore Delegato dell’AGI Gianni Di Giovanni. In un momento di grande “successo” mediatico della figura del criminologo, conteso ogni sera dai vari salotti televisivi, “va chiarito – spiega Natale Fusaro, coordinatore didattico del master – che non ci si puo’ improvvisare criminologi, e’ un mestiere molto complesso e richiede una formazione multidisciplinare”. Nel suo intervento, Di Giovanni si e’ rivolto agli studenti parlando del concetto di leadership, basata su “cinque semplici principi”: standardizzazione nell’organizzazione, meritocrazia, integrazione, innovazione, e comunicazione. Principi “non facili da mettere in pratica”: in questo senso “il Master in criminologia e scienze forensi e’ un’organizzazione che svolge egregiamente il suo lavoro”. Il master, che si svolge da gennaio a ottobre, e’ diviso in 4 moduli: criminologia, investigazione, security e intelligence. Le lezioni spaziano dal diritto penale alla psicologia giuridica, dalla medicina legale alla sociologia criminale, dal giornalismo investigativo alla balistica forense. Si approfondiscono, inoltre, temi come la sicurezza urbana, la criminalita’ informatica, il terrorismo e i sistemi criminali. Il percorso si conclude con uno stage da svolgere presso aziende di investigazione privata o laboratori scientifici. Tra questi il Raset di Roma, centro all’avanguardia nel settore degli equipaggiamenti speciali a supporto delle indagini, e il Simef di Reggio Calabria, che compie accertamenti di tipo tecnico-scientifico con microscopi a scansione elettronica, a cui recentemente sono stati affidati alcuni incarichi persino da Scotland Yard. Il Master mantiene costanti rapporti di collaborazione con professori di Universita’ straniere, tra cui David Canter, ideatore e precursore del “criminal profiling” e del “geographical profiling” lo studio del profilo dell’astratto autore del reato e del luogo ipotetico dove lo stesso dovrebbe vivere”. Tra gli altri docenti anche il direttore della rivista Archivio Penale Prof. Alfredo Gaito – Ordinario di Procedura Penale nella Facolta’ di Giurisprudenza della Sapienza, e in qualita’ di Esperti, alcuni appartenenti al Raggruppamento Investigazioni Scientifiche dell’Arma dei Carabinieri, oltre a Dirigenti e Funzionari della Polizia di Stato. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.