TwitterFacebookGoogle+

Urologi: troppe ore al volante? Vescica dell'uomo a rischio

Roma – Sono i long driver, ovvero i tassisti, i conducenti di autobus e gli automobilisti di tutte le eta’, le categorie di lavoratori piu’ a rischio infezioni del basso apparato urinario dell’uomo. E’ quanto emerso dal Congresso Nazionale “Qualita’ della vita in urologia e andrologia – dalla terapia della malattia alla terapia del paziente” in programma a Roma fino ad oggi, promosso dal prof. Francesco Sasso, specialista in Urologia e Andrologia presso l’Universita’ Cattolica Sacro Cuore di Roma – Fondazione Gemelli, con il patrocinio della Societa’ Italiana di Urologia (SIU). “L’utilizzo prolungato dell’autovettura – sostiene il prof. Sasso, membro dell’E.R.G.A.M. (European Research Group on Automotive Medicine) – puo’ generare l’insorgere di patologie del basso apparato urinario. In particolare, infezioni, cistiti e prostatiti. Alcune categorie di lavoratori sono piu’ a rischio di altri, anche in giovane eta’. Per questo motivo, e’ fondamentale privilegiare vetture con sedili ergonomici e un buon funzionamento dell’impianto di climatizzazione dell’auto che consente di ridurre la sudorazione e la conseguente concentrazione delle urine”. Per scongiurare l’insorgere di infezioni urinarie e/o l’aggravarsi di disturbi della minzione nei soggetti che passano tante ore del giorno alla guida, l’esperto consiglia di adottare poche ma semplici regole: “Bere due litri di acqua al giorno, non aspettare di avere la vescica completamente piena prima di andare in bagno, fermarsi ogni 2-3 ore, climatizzare il veicolo, limitare l’assunzione di farmaci che favoriscono l’erezione, soprattutto in guidatori ipertesi. Infine, seguire una dieta povera di grassi ma ricca di proteine e vitamine”. Tra i cibi da evitare: superalcolici e alcolici, caffe’, te’, peperoncino, pepe, spezie piccanti, bevande zuccherine, insaccati, burro, lardo e margarine. Bene, invece, frutta, verdure, pesce e formaggi freschi.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.