TwitterFacebookGoogle+

Usa: “ha inquinato acque”, ingegnere italiano in carcere

Washington – Giacomo Curatolo, 50 anni, di Custonacci in Sicilia, capo ingegnere di bordo della petroliera M/T Cielo, battente bandiera Maltese ma di proprieta’ dell’italiana d’Amico, e’ stato condannato a 8 mesi di reclusione e ad una multa di 5.000 dollari per aver violato le leggi ambientali che regolano la navigazione negli Usa.

Curatolo aveva confessato di aver scaricato petrolio in acque Usa, scrive il sito New Jersery.Com, nel gennaio del 2015 e aveva ammesso di aver falsificato il registro di bordo e mentito alla Guardia Costiera Usa. Il vice di Curatolo, Danilo Maimone si e’ anche lui dichiarato colpevole e la condanna per lui è prevista per il 18 gennaio 2017. 

Per approfondire

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.