TwitterFacebookGoogle+

Usa: mega class action da 98 miliardi dollari su Petrobras

(AGI) – New York, 26 dic. – Il colosso brasiliano del petrolio Petrobras e i suoi vertici, gia’ decimati per un’inchiesta per corruzione aperta in Brasile, dovranno affrontare negli Usa una class action intentata dagli investitori Usa su 98 miliardi di dollari di azioni emesse negli Stati Uniti dal 2010 al 2014. A fare la fila per chiedere a mega rimborsi a Petrobras, oltre ad alcuni dei piu’ prestigiosi studi di avvocati Usa, c’e’ anche la citta’ di Providence, nel Rhode Island, che ha pesantemente investito nel colosso brasiliano. La cifra in ballo e’ mega-galattica, si tratta di 98 miliardi di dollari, dietro la quale spuntano accuse pesantissime, dirette verso il gruppo ma anche nei confronti di alcuni dei suoi top manager, tra cui il presidente Graca Foster e il responsabile finanziario, Almir Barbassa. Petrobras e’ accusata di aver falsificato i documenti contenenti il valore delle azioni e delle attivita’ obbligazionarie. In particolare l’accusa presentata dalla citta’ di Providence non richiede di provare che le falsificazioni siano state effettuate consapevolmente ma chiamano in causa come accusati direttamente le banche brasiliane ed internazionali che hanno gestito la vendita delle azioni. Petrobras e’ un gigante da 80 mila addetti, per il 55% in mano pubblica, il cui valore dai 737 miliardi di reais del 2008 (200 miliardi di dollari) e’ crollato a 115 miliardi di reais (35 miliardi di dollari) nel 2014. Nel 2010 Petrobras ha superato una difficile crisi raccogliendo 70 miliardi di dollari in una delle piu’ grosse emissioni obbligazionarie della storia. Poi pero’ sono arrivati i guai: dal calo del prezzo del petrolio, agli investimenti sbagliati in Texas, in Peru e in Venezuela, agli scandali e alle tangenti. Il risultato e’ che dal 2008 il valore di capitalizzazione di Petrolibras e’ crollato dell’85%, mentre il suo indebitamento e’ salito in 4 anni da 117 a 301 miliardi di reais. Nella primavera del 2014 e’ partita la mega-inchiesta della polizia brasiliana, che ha portato in carcere una folta pattuglie di manager, imprenditori e politici del colosso di stato. E ora L’ultimo capitolo e’ quello rappresentato delle class action Usa. .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.